Atuttapagina.it

Basket, Veroli crolla a Brescia

Basket VeroliLa Centrale del Latte Brescia non fallisce l’appuntamento con il riscatto dopo le sconfitte con Verona e Ferentino e schianta la GZC Veroli con il punteggio di 87-44. Partita mai in discussione al Pala San Filippo: troppa la differenza di valori in campo tra la seconda forza del campionato e una squadra che ha pagato a caro prezzo l’assenza di Alex Legion, out a poche ore dalla palla a due per un problema intestinale.
Pronti e via e Juan Fernandez insacca la prima tripla di serata, pareggiata poco dopo da La Torre. Ma con il secondo canestro da tre punti, questa volta ad opera di Justin Brownlee, la Centrale non si guarda più indietro e fa capire subito su quali binari andrà la partita. Anche Roberto Nelson, chiamato al riscatto davanti al pubblico di casa, risponde presente e con un canestro in penetrazione porta Brescia sul 10-5. Ma è ancora Brownlee il grande protagonista di questo primo quarto: il suo fantastico coast to coast e le sue due triple, inframmezzate da una “bomba” di Nelson, fissano il punteggio del primo quarto sul 27-12.
Anche Mirza Alibegovic si iscrive al festival del tiro da tre all’inizio del secondo parziale: Brescia tocca quota 30, mentre Veroli tenta una timida reazione con Forte, che porta i suoi a -16 (30-14). La serata dei canestri dai 6.75 prosegue con le triple di Fernandez e Benevelli, che lanciano la Leonessa sul 36-20. Brescia tocca il massimo vantaggio con un coast to coast di Fernandez (39-22). Il finale di tempo è tutto di Joshua Giammò: prima un fantastico assist per il capitano Loschi, altro massimo vantaggio sul 44-26, poi un canestro da tre che fa volare Brescia a +21 (47-26), prima del 2/2 in lunetta di Federico Loschi per il 49-28 con cui si va all’intervallo.
Nella ripresa il copione non cambia. Altre due bombe di Fernandez e Nelson scavano un solco profondo tra le due formazioni, in un terzo quarto in cui i ritmi si abbassano vistosamente. Veroli conclude il terzo parziale con soli 9 punti segnati e Brescia tocca il +26 sul 63-37 con cui si chiude il tempo.
L’ultimo quarto è una lunga attesa della sirena finale. Giammò realizza un’altra tripla e viene imitato poco dopo da Fernandez e Alibegovic (74-40). Nel finale il boato del Pala San Filippo per l’esordio in A2 Gold di Federico Ferrari e Giacomo Piantoni, che sfiora il colpaccio con un canestro da tre all’ultimo secondo che esce di un niente. Finisce 87-44.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni