Atuttapagina.it

Botta e risposta tra Ottaviani e Frosinone Bella e Brutta sulla questione dello Schioppo

Schioppo Cosa passeggiata«Vedremo di aggiornare quel tavolo di confronto». E’ la promessa del sindaco al condizionale che apprendiamo dalla stampa; ma non ci è mai stata fornita una risposta formale alle nostre richieste. Eppure, nel proprio programma elettorale, il sindaco Ottaviani aveva dichiarato che il Comune di Frosinone, con le associazioni, sarebbe stato il faro della provincia. E poi non ci aspettavamo certo una risposta diversa da quella che ci fornì nell’incontro di giugno. In quell’occasione e da quanto apprendiamo anche oggi dalla stampa le risposte sono state sempre le stesse. Ma possibile che i nostri amministratori non riescano a rendersi conto che in altre località d’Italia, ove esistano tesori come lo Schioppo, gli amministratori si impegnano al massimo per eliminare eventuali cause di pericolo, per goderne l’uso in sicurezza? A tal proposito, poiché dopo la firma del protocollo d’intesa da parte dei Comuni che sono attraversati dal fiume, per dare corso al Contratto di Fiume del Fiume Cosa, al quale abbiamo aderito con molte associazioni, oltre al Comune di Frosinone, e presto sarà costituito in Provincia un tavolo tecnico di lavoro, ci permettiamo di suggerire al nostro sindaco di approfittare di tale opportunità e delle capacità dei partecipanti che possono essere patrimonio di buone idee per stabilire come eliminare tutte le insidie catastrofiche che minacciano l’area dello Schioppo. Mettendoci un tantino di buona volontà la città potrebbe trarne enormi benefici. Vorremmo precisare: i visitatori vanno a passeggiare sulle rive dei fiumi quando ci sono belle giornate e non di certo quando è brutto tempo; inoltre, la messa in sicurezza del fiume la chiedono i cittadini e non certo il Sindaco, perché il suo ruolo non è quello di CHIEDERE, ma di FARE. Dopodiché basta vigilare con attenzione prima di eventi straordinari e qui la Protezione Civile farà la sua parte. Ad adiuvandum aggiungiamo che il presidente della Provincia Pompeo ha già rimesso in piedi la struttura dell’Europe Direct e la potenzierà quanto prima; se ne potrà approfittare per le progettazioni e la richiesta di Fondi della Comunità Europea. Concludiamo che comunque noi siamo sempre a disposizione per il confronto, ma sei mesi di silenzio per dare risposte su poche particelle sono troppi; le alternative per arrivare alla Cascata dello Schioppo ci sono e già ne prospettammo alcune a giugno scorso; ricorderà senz’altro che le fu chiesto dal signor Prisco Santoro di fare un piccolo sforzo per allungare il percorso in sicurezza del lungofiume che avete in mente di realizzare dal Campo Sportivo a De Matthaeis, portandolo fino alla Cascata, che sarebbe peraltro un punto di arrivo meraviglioso. (Luciano Bracaglia – presidente Associazione di Volontariato Frosinone Bella e Brutta)

Schioppo Cosa passeggiata17

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni