Atuttapagina.it

Frosinone, all’auditorium Colapietro va in scena Cunto

Anna Mingarelli CuntoLa ricca programmazione dell’Officina Culturale “Casa d’Arte” di Errare Persona, già associata a due rassegne teatrali di teatro contemporaneo e per bambini (rispettivamente “Nuovi linguaggi” e “Il teatro dei piccoli”) e a eventi culturali (come i reading letterari), proporrà, domani alle 17:30, all’auditorium “Paolo Colapietro” di Frosinone, lo spettacolo “Cunto” di teatro Rigodon, una pièce che avvincerà gli spettatori di tutte le età. Sul palco Anna Mingarelli, per la regia di Alessandro Cavoli. “Cunto” trae ispirazione dai cantastorie medievali e dagli attori della commedia dell’arte, i cui spettacoli erano interamente costruiti intorno alla capacità dell’attore di danzare, suonare e “cavalcare” un racconto. Protagonista dello spettacolo è una madre-attrice che entra in scena portando in braccio il proprio figlio e tirandosi dietro una casa-teatro ambulante: l’intero mondo di una madre e, al contempo, l’intero mondo di un’attrice. La narrazione prende forma in modo semplice e immediato, attraverso racconti di favole e danze, canti e ninne nanne, che portano all’orecchio del bambino melodie e storie di personaggi appartenenti a luoghi ed epoche diverse, fino a condurci alle porte dell’inquietante universo kafkiano con il racconto “Davanti alla Legge”. “Cunto” è uno spettacolo che, come uno specchio, rimanda con spietata fedeltà le rifrazioni, sottili e molteplici, che compongono l’immagine di una madre e di un canto: non solo dualità intima e permeata, idealisticamente e naturalmente, di amore per il figlio, ma anche contatto ambivalente, in cui affiorano tristezze, desideri inconfessabili di rifiuto e di pena per l’arrivo del neo-nato, che con la sua presenza al mondo totalizza, accentra, obbliga alla cura, chiede per sé braccia che vorrebbero invece esser libere o poter lavorare. La formula melodica della ninna nanna, ripetitiva e  ipnotica, che attraversa tutto lo spettacolo, si fonde ritmicamente alle oscillazioni dell’atto del cullare della donna, dando vita ad una “partitura per voce e corpo” che dell’esser madre accoglie anche sentimenti come l’insofferenza, la frustrazione o il rancore.

Anna Mingarelli Cunto1

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni