Atuttapagina.it

Frosinone, è il giorno di Ottaviani: questa sera un Consiglio decisivo

Ottaviani LisiNicola Ottaviani e la sua giunta a un bivio. Rilanciare la proposta amministrativa del sindaco di Frosinone oppure andare a casa. Questa sera alle 20 è in programma un Consiglio comunale decisivo per le sorti dell’amministrazione guidata da Ottaviani. In ballo ci sono tutte le pratiche che il sindaco ha intenzione di portare sul tavolo: lo stadio Casaleno, la sistemazione dello Scalo e di Madonna della Neve, unitamente al risanamento dei conti dell’ente e al finanziamento del ponte di Bailey. E, sullo sfondo, il rischio di default per il Comune di Frosinone. Il rischio maggiore per il capoluogo è proprio quest’ultimo, nel caso in cui Ottaviani dovesse lasciare e al suo posto venisse messo un commissario prefettizio.
Negli ultimi giorni il sindaco ha fatto la voce grossa, annunciando la decisione di ritirare le deleghe agli assessori per procedere ad una loro ridistribuzione. «E’ inconcepibile ipotizzare di bocciare delibere che la città attende da quaranta anni, come il nuovo stadio o la piazza al quartiere Scalo e a quello di Madonna della Neve, per rivendicazioni sugli Assessorati, che dovrebbero rientrare nella normale, anche se serrata, dialettica interna di maggioranza. Se poi si decide di far pagare al Comune di Frosinone la somma di 2.300.000 euro per espropri sbagliati dalla precedente amministrazione, a fronte di un possibile risparmio di 800.000 euro per le casse comunali, allora la follia della politica rischia di cancellare la lucidità dell’amministrazione, che dovrebbe essere gestita solo ed esclusivamente nell’interesse dei cittadini», il duro affondo di Ottaviani contro la sua stessa maggioranza. Che questa sera si conterà: se le fratture delle scorse ore saranno state ricomposte l’attività della giunta riprenderà e, molto probabilmente, si arriverà a quel punto fino alla fine del mandato. In caso contrario il sindaco rassegnerà le dimissioni e l’esperienza di governo del centrodestra nel capoluogo potrà dirsi conclusa.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni