Atuttapagina.it

Frosinone: giusto tenere tutti in considerazione, ma il turnover non può essere totale

Roberto Stellone Martina TerrinoniChe la partita con il Crotone andasse a finire esattamente come è andata lo si temeva fin dalla vigilia. Ancora una volta Stellone ha schierato il Frosinone con una formazione sorprendente, cambiando per intero il centrocampo titolare e apportando delle modifiche anche in attacco e tra i pali. In passato, va detto, il turnover aveva dato dei risultati importanti, come contro il Lanciano ad esempio. A partire da qualche settimana, però, il turnover non ha più pagato, lo si è visto contro la Ternana.
Roberto Stellone è animato da buone intenzioni. L’allenatore del Frosinone non vuole lasciare “indietro” nessuno dei suoi giocatori e così, ciclicamente, concede a tutti una maglia da titolare. In questo modo tutti dovrebbero sentirsi considerati dal tecnico. Nei fatti, però, il risultato è che i giocatori non riescono a trovare la continuità e la compattezza della squadra ne risente. Eppure certe gerarchie ormai dovrebbero essere definite: in tutte le squadre ci sono dei titolari e delle “riserve”. I primi vanno tenuti in campo finché le gambe li assistono: oggi è impensabile che nessuno dei quattro centrocampisti schierati contro il Cittadella fosse in grado di scendere in campo a Crotone. Vorrebbe dire che non si ha a che fare con degli atleti o che la preparazione, solo pochi giorni fa osannata, sia stata sbagliata. Visto che nessuna di queste due affermazioni può essere vera, allora torniamo alle responsabilità di Stellone, che ha voluto coinvolgere chi è rimasto fuori nelle partite precedenti.
L’allenatore ha avuto e ha grandi meriti nei successi recenti del Frosinone. C’era lui sulla panchina giallazzurra nelle vittorie contro il Catania, il Perugia, il Modena, il Livorno. C’era sempre lui quando il Frosinone ha vinto fuori casa il derby come nessuno era mai riuscito a fare. Però questo integralismo nell’attuare un turnover totale adesso va smussato. Stellone diventi più “egoista” e inizi a insistere su chi garantisce migliori prestazioni: solo così il Frosinone potrà tornare ad avere continuità anche nei risultati. (Gabriele Margani)

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni