Atuttapagina.it

La Croazia e la Ciociaria, inaugurate due mostre a Frosinone

È avvenuta martedì l’inaugurazione della mostra di pittura del Maestro Ettore Gualdini dal titolo “Dalmacija drugi dom”, presso la Villa Comunale di Frosinone, alla presenza dell’addetta culturale dell’Ambasciata della Repubblica di Croazia Ines Sprem, del curatore Alfio Borghese, del presidente del Conservatorio “Licinio Refice” Marcello Carlino e del critico d’arte Rocco Zani. In esposizione alcune opere eseguite dal Maestro nei frequenti soggiorni estivi che amava fare nei paesi della Dalmazia, terra dal carattere poliedrico e meraviglioso, amatissima protagonista delle tele di Ettore Gualdini. Folto il pubblico intervenuto in occasione del vernissage della mostra che si fregia del patrocinio dell’Ambasciata di Croazia ed è realizzata in collaborazione con Regione Lazio, Provincia e Comune di Frosinone. Alle 19:30 la seconda inaugurazione della giornata: quella della mostra fotografica di Mario Romulic’ e Drazen Stojčic’ intitolata “Croatia Flashes of Diversity” alla Galleria La Saletta: ritratti nelle immagini dei due fotografi alcuni tra i luoghi più belli della Croazia, dai colori vividissimi e dalle atmosfere magiche. Presenti all’evento il presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, che ha parlato della necessità di incentivare le attività culturali perché diventino, davvero, un volano per lo sviluppo economico del territorio e l’addetta culturale dell’Ambasciata della Repubblica di Croazia Ines Sprem, che ha sottolineato l’impegno dell’Ambasciata nel promuovere una mostra di Ettore Gualdini in Croazia nell’estate del 2015. La giornata, ricca di arte, cultura, scoperte o piacevoli conferme, si è chiusa con le meravigliose note tratte dal piano del maestro Gerardo Iacoucci.
Le Mostre rimarranno aperte fino al 10 dicembre con apertura giornaliera dalle 16 alle 20.
Il legame tra la Ciociaria e la Croazia è antico e fortissimo e nasce dall’amore che Ettore Gualdini (1931-2010), pittore conosciuto e apprezzato in Patria e all’estero, nutriva per l’ospitalità e la bellezza delle terre croate. I frequenti viaggi di Gualdini a Split, Zara, Dubrovnik, Sibenik, Trogir, Primosten, Makarska, Brist e in tutta la costa dalmata, la sua frequentazione della colonia di artisti a Počitelj gli permisero di costruire una familiarità con luoghi, persone, usanze, che ebbero conseguenze durature e significative sull’uomo e sull’artista. Sue personali sono state ospitate a Spalato (aprile 1966, Galerija Uluh) e Zagabria (giugno 1968, Salon Uluh).

Croazia mostra

Croazia mostra1

Croazia mostra2

Croazia mostra3

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni