Atuttapagina.it

Violenza sulle donne, “patto di ferro” tra il questore di Frosinone e la cooperativa sociale Diaconia

Violenza«Le cittadine del Lazio saranno più sicure e le vittime avranno tutto il sostegno necessario per vincere la paura, denunciare e iniziare una nuova vita. Tutto questo grazie agli interventi della Regione e alla capacità dei territori di usare al meglio gli strumenti messi a disposizione. Per questo accolgo con favore la firma del protocollo d’intesa “Più sicuri e solidali” tra il Questore di Frosinone Filippo Santarelli e la Cooperativa Sociale Diaconia». Sono le dichiarazioni del consigliere regionale Daniela Bianchi.
«L’iniziativa – prosegue Bianchi – va nella direzione giusta, tracciata ormai più di un anno fa, con i primi tavoli di confronto locali e con le audizioni in Consiglio, grazie ai quali ho potuto raccogliere le proposte delle associazioni locali da inserire negli interventi regionali. L’idea era di creare una forte rete territoriale, in cui ogni soggetto potesse mettere energie ed esperienze in condivisione con gli altri. Oggi quest’idea è diventata patrimonio di un intero territorio, che ha il merito di unirsi per una grande battaglia sociale contro ogni forma di discriminazione e violenza».
«La Regione Lazio – ricorda il consigliere – nel marzo scorso ha dato il via libera alla prima legge contro la violenza di genere e pochi giorni fa la Giunta ha raddoppiato la rete di protezione locale. Apriranno 19 nuove strutture come case rifugio e di semi-indipendenza, centri di ascolto e sportelli di ascolto. In provincia di Frosinone sono previsti due nuovi centri antiviolenza, una nuova casa rifugio che ospiterà sette donne e un nuovo sportello antiviolenza che si sommerà a quello già esistente».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni