Atuttapagina.it

A Frosinone una rassegna per riscoprire le radici culturali del nostro territorio

Gerardo Iacoucci1L’Associazione “La Taverna degli Artisti”, con il patrocinio della Regione Lazio, della Provincia e del Comune di Frosinone, rivolge al pubblico della città un evento destinato a rievocare e rivalutare il patrimonio culturale delle tradizioni e della storia del territorio. Il momento centrale della manifestazione è costituito dalla valorizzazione del dialetto, espresso attraverso la poesia e le testimonianze dirette dei più noti poeti ciociari, che ripercorrono con passione e sensibilità, con intelligenza ed ironia le vicende della vita quotidiana di ieri e di oggi. Si prevede, inoltre, tra musica e spettacolo, di riportare l’attenzione su importanti figure storiche di questa terra con l’intenzione di sostenerne e consolidarne la memoria collettiva. Le personalità scelte per questa prima edizione sono, innanzitutto, il Pontefice Sant’Ormisda, patrono di Frosinone, in occasione della ricorrenza dei 1.500 anni dal suo Pontificato, l’attore e regista Vittorio De Sica, a quarant’anni dalla sua morte, e l’artista, pioniere del cinema e valente uomo di teatro, Anton Giulio Bragaglia.
I momenti musicali sono affidati al M° Gerardo Iacoucci (nella foto), pianista e compositore, già docente nel corso di Musica Jazz presso il Conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone, il quale ha studiato appositamente per questa occasione un nutrito programma, che include, tra l’altro, brani con testi del compianto poeta ciociaro Alessio Di Sora e la rivisitazione di un’antica tarantella ferentinate per coro a sei voci, costituito da allievi e diplomati del Conservatorio.
La manifestazione si terrà il 6 marzo alle 21, presso il Teatro Nestor di Frosinone, e sarà condotta da Sandro Iadanza.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni