Atuttapagina.it

Un centro per la famiglia nella provincia di Frosinone

GiovaniAl via i nuovi progetti della Regione per sostenere le famiglie, chi si trova in difficoltà e chi ha bisogno. Oggi sono state presentate cinque azioni fondamentali: dagli asili nido alle case famiglia per disabili, passando per i ragazzi ed il terzo settore. Ecco gli interventi che sta portando avanti la Regione:
La rete dei centri per la famiglia. Luoghi di aggregazione con tanti servizi a disposizione per i nuclei familiari e strutture di supporto ai servizi sociali dei Comuni e dei Distretti socio-assistenziali. Ogni Centro potrà ospitare una equipe multiprofessionale composta da varie figure: l’assistente sociale, lo psicologo, l’educatore professionale. La Regione ne aprirà sei, uno a Roma e uno in ogni provincia. La Regione finanzia  questo progetto con 800 mila euro che serviranno per la prima fase e per il primo anno di funzionamento della rete. Questi alcuni dei servizi e delle competenze dei centri per la famiglia: accoglienza, informazioni, orientamento ai diritti e ai servizi, sportello di mediazione linguistica e culturale per l’accesso ai servizi e ai diritti per le famiglie migranti, mediazione familiare, supporto alla genitorialità, attività di prevenzione al disagio educativo come home visiting, progetti di doposcuola e gruppi di auto-mutuo aiuto. E ancora, polo affido: supporto ai distretti per le attività di informazione, sensibilizzazione, monitoraggio, valutazione e reclutamento delle famiglie risorsa, incubatore per associazionismo familiare, raccordo con i consultori per le prese in carico integrate, punti di riferimento territoriali per le adozioni internazionali.
I progetti per il terzo settore. Anche qui diversi servizi: attività integrative di case famiglia, centri diurni, accoglienza minori, progetti per mamme sole con bambini, per papà separati, supporto alla genitorialità e mediazione familiare. Sono messi a disposizione 1,3 milioni di euro, il bando finanzierà 40-45 progetti da 30 mila euro in media.
L’integrazione socio-educativa dei ragazzi. La Regione sostiene i ragazzi che vengono da famiglie disagiate: l’obiettivo è garantire a chiunque l’opportunità di fare attività sportive, musica, danza e arti espressive. Anche in questo caso la Regione investe 1,3 milioni di euro. In particolare, con queste risorse saranno messi a disposizione 4.300 voucher da 300 euro l’anno per bambino/ragazzo. I voucher saranno destinati alle famiglie a basso reddito attraverso i Distretti e grazie a convenzioni tra Comuni e associazioni sportive, scuole di musica e centri danza, per ottimizzare le risorse.
Le case famiglia per disabili. La Regione sostiene e amplia la rete delle case famiglia per ragazzi disabili con un investimento complessivo di 6,2 milioni di euro, 3,4 milioni per le 12 case esistenti e 2,8 milioni per l’apertura di nuove strutture o l’ampliamento dei posti di quelle già operative.
Il piano per gli asili nido. La Regione stanzia un investimento senza precedenti per ampliare la rete degli asili nido pubblici e convenzionati, migliorare la qualità dei servizi esistenti, sostenere l’accesso al lavoro delle donne con figli e contrastare la crisi demografica. Grazie a questo progetto si creeranno 650 nuovi posti tramite un bando rivolto ai Comuni e di quasi 10 mila attraverso l’impiego dei fondi europei. La Regione investe in tutto 54,5 milioni di euro: 4,5 milioni subito, 50 milioni attraverso i fondi strutturali europei per gli asili nido.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni