Atuttapagina.it

Ferentino, rispettato il Patto di stabilità

Antonio Pompeo«Il Comune di Ferentino con atto di Giunta del 23 gennaio ha deliberato di approvare le risultanze dei movimenti contabili relativi alla chiusura della gestione finanziaria 2014, significativi ai fini del rispetto del patto di stabilità interno, come risultanti dal prospetto contabile relativo al monitoraggio del patto per il secondo semestre 2014, e di dare atto che, alla luce delle risultanze del prospetto di cui sopra, l’Ente ha rispettato l’obiettivo programmatico del patto di stabilità per l’anno 2014». Lo afferma l’assessore al Bilancio del Comune di Ferentino, Franco Martini. «Un risultato di grande significato – prosegue l’assessore – e decisamente perseguito pur in considerazione dei tagli subiti quest’anno e nei precedenti: una situazione sempre più insostenibile che mette in seria difficoltà tutti gli Enti locali, costretti a differenti imposizioni da parte del Governo centrale. Riscontri positivi a livello contabile, perché ci garantiscono che i nostri conti sono a posto, che in tal modo evitiamo conseguenze negative automatiche, previste dalla Legge per gli enti che sforano i vincoli, nel continuare a garantire e sostenere in maniera idonea i servizi ai cittadini. L’amministrazione ringrazia tutta la struttura tecnico-amministrativa, che ha saputo scegliere le priorità, come tutti insieme ci si sia adoperati per porre in atto ogni procedura opportuna per prefiggerci l’obiettivo di rispetto del patto, calibrando allo scopo l’intera gestione economico-finanziaria in base a tale obiettivo e corrispondendo al meglio, in tal senso, all’indirizzo degli organi politici».
Il sindaco Antonio Pompeo ha aggiunto: «La gestione amministrativa-contabile ci conforta con numeri ampiamente positivi, dal 2008 il Comune di Ferentino rispetta il Patto di stabilità in ossequio alla normativa riguardante il patto di stabilità interno per gli enti locali. Il prospetto contabile evidenzia che l’Ente ha rispettato l’obiettivo programmatico del patto di stabilità per l’anno 2014 raggiungendo un saldo finanziario di 1.907.000,00 euro, rispetto ad un obiettivo programmatico di 452.000,00 euro. Al di là degli aspetti tecnici, il mancato rispetto del Patto di Stabilità avrebbe comportato per il bilancio comunale altri tagli e previste sanzioni, quali la riduzione del fondo di solidarietà comunale e del fondo sperimentale di riequilibrio, limiti agli impegni per spese correnti, divieto di ricorrere all’indebitamento, divieto di procedere ad assunzioni di personale. Risultati ottimi, ottenuti grazie alla sinergia tra componente politica e struttura amministrativa, avendo individuato e perseguito importanti indirizzi gestionali, riguardanti sia l’eventuale possibilità di aderire a quelle procedure, sempre riferibili alla normativa sul patto di stabilità, che possono consentire un miglioramento dell’obiettivo prefissato del patto nell’esercizio corrente, senza penalizzazione per le annualità successive, sia con l’applicazione di tutte quelle misure contabili che potessero favorire, nell’ultima parte dell’anno, il raggiungimento dell’obiettivo del patto di stabilità, in particolare: massimizzazione delle entrate correnti, sospensione o limitazione dei pagamenti posticipabili sulle opere pubbliche, accelerazione degli incassi in conto capitale attraverso sollecitazioni agli enti finanziatori, in primis la Regione Lazio, di accredito delle spettanze maturate dal Comune. Aver ottenuto e confermato tutto ciò permette all’amministrazione di programmare un’azione amministrativa concreta e lungimirante, sviluppando al meglio la propria azione con l’utilizzo delle certificate disponibilità finanziarie, senza essere condizionata da ulteriori vincoli e limiti».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni