Atuttapagina.it

Frosinone, conferenza di servizi sulla discarica di via Le Lame

Discarica via Le LameSi è tenuta oggi, presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la prima Conferenza di Servizi finalizzata alla presentazione e alla valutazione della proposta di nuova perimetrazione del SIN – Sito di Interesse Nazionale “Bacino del Sacco” elaborata dalla Regione Lazio.
Il nuovo perimetro del SIN “Bacino del Sacco”, così come proposto dalla Regione, si estende, andando dal fiume verso gli Ernici, fino ad un chilometro di distanza dall’autostrada e, andando dal fiume verso i Lepini, fino alla curva di livello corrispondente alla quota di 150 metri sul livello del mare.
Una volta approvata la nuova perimetrazione si procederà, con tempistiche necessariamente rapide, alla relativa “subperimetrazione” del SIN, cioè all’individuazione puntuale e precisa di tutti quei siti, generalmente attività industriali attive o dismesse, notoriamente contaminati o potenzialmente contaminanti per il tipo di attività che vi si svolge.
Il rappresentante del Comune di Frosinone, il dottor Marco Spaziani, su indicazione del sindaco Nicola Ottaviani ha formalmente richiesto alla Conferenza di Servizi, con istanza verbalizzata, che il sito dell’ex discarica “Le Lame” e l’attigua fascia ripariale fossero con certezza inclusi nell’elenco dei siti che verranno “subperimetrati” all’interno del SIN “Bacino del Sacco”, affinché la competenza e la titolarità di tale complesso e delicato procedimento di bonifica possa essere affidata, come doveroso ed opportuno, al Ministero dell’Ambiente.
La Conferenza di Servizi, inoltre, ha recepito l’istanza del rappresentante del Comune di Frosinone di estendere la perimetrazione del SIN in modo tale da comprendere del tutto le cosiddette “zone Asi”, comprese solo in parte nella preliminare proposta della Regione.
La prossima riunione della Conferenza di Servizi, nella quale verrà presentata la proposta definitiva di perimetrazione del SIN “Bacino del Sacco”, si terrà, sempre presso il Ministero dell’Ambiente, il 12 febbraio.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni