Atuttapagina.it

Continua lo sciopero dei lavoratori della Cma di Cassino, ma si apre uno spiraglio

Cma CassinoLa trattativa è avviata, oggi l’amministratore delegato della CMA srl, Tommaso Vincentini, ha convocato i rappresentanti dell’A.S.La COBAS e una delegazione di lavoratori per individuare una soluzione congiunta per il pagamento degli stipendi.
L’azienda lamenta il mancato pagamento di fatture, da parte di aziende clienti pubbliche e private (tra queste Acea ed Enel), per un importo di un milione e trecentomila euro, che ha impedito il pagamento delle mensilità ai dipendenti.
«In queste ora si sta aprendo un positivo spiraglio», hanno commentato Franco Massaro e Salvatore Ascione dell’A.S.La COBAS provinciale, nel loro intervento all’assemblea con i lavoratori in presidio permanente fuori i cancelli aziendali, avvenuta dopo l’incontro con l’azienda.
L’A.S.La COBAS ha chiesto all’azienda di produrre un piano industriale che preveda il rientro degli stipendi nel più breve tempo possibile.
L’azienda ha dato la disponibilità a pagare gli stipendi in forma rateale e le rassicurazioni sul piano industriale.
Domani alle 10:30 ci sarà un nuovo incontro  tra le parti, dopodiché saranno le maestranze a decidere in assemblea se accettare un piano di rientro rateizzato o continuare a scioperare a oltranza.
«Con il via libera al pagamento degli stipendi, seppur rateizzato, e le aperture sul piano industriale da parte di CMA oggi c’è una base nuova per sviluppare il confronto, anche se i problemi restano tutti», hanno spiegato i rappresentanti dell’A.S.La COBAS.
Domani c’è, dunque, la trattativa con l’azienda e subito dopo l’assemblea con i lavoratori per decidere cosa fare.
I lavoratori sono in ansia fuori dai cancelli aziendali perché le voci filtrate hanno creato un po’ di tensione. Un solo grido da parte loro: «Rispetto, rispetto».
La CMA – fa sapere l’azienda – pagherà lo stipendio di settembre 2014 entro martedì prossimo.
Nel frattempo resta, comunque, confermato lo sciopero fino a chiusura della trattativa, che potrebbe sfociare in un accordo o in un mancato accordo.
«Il nostro auspicio – ha affermato Liliana Errante della segreteria provinciale di Frosinone dell’A.S.La COBAS – è che la ripresa della trattativa di domani porti ad una risoluzione della vertenza e la messa in campo di tutte le opzioni possibili per tutelare e rilanciare una produzione che è un’eccellenza per l’Italia e per l’Europa. Domani dovremo dimostrare tutti che è nostro impegno precipuo lavorare per ridare una speranza e una prospettiva sul futuro ai lavoratori e alle famiglie che su questa vertenza stanno pagando troppo, in termini di ansia, delusione, stress psicologico ed economico. Ci auguriamo, dunque, che tutte le parti in causa, per prima l’azienda, mettano sul tavolo tutta la buona volontà e la disponibilità ad arrivare ad una soluzione positiva e condivisa».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni