Atuttapagina.it

Essegliè, torna a Frosinone la festa della Radeca

Radeca LisiDomani è il giorno della Festa della Radeca. Come da tradizione con il martedì grasso si celebra il rito che conclude i festeggiamenti del Carnevale frusinate. Un appuntamento che ha radici antiche. E che dopo il famoso episodio del 1799 ha dato vita alla Festa della Radeca come la conoscono le migliaia di cittadini che ogni anno affollano le strade del Rione Giardino e del centro storico.Carnevale 2013 2
La storia è nota. Nel 1798 la popolazione di Frosinone dopo una ribellione cacciò le truppe francesi dalla città. La reazione fu durissima e furono tanti i frusinati che vennero uccisi dall’armata transalpina. Nonostante la dura repressione, pochi mesi dopo la città di Frosinone volle festeggiare ugualmente il Carnevale. Ad Anagni, dove erano stanziati i soldati del generale francese Jean Étienne Championnet, giunse la notizia di una nuova ribellione dei cittadini di Frosinone. Championnet raggiunse la città, ma anziché una popolazione in tumulto trovò un popolo in festa, che lo accolse al grido di «Essegliè». Il generale secondo la tradizione si unì ai festeggiamenti, mangiando fettuccine e bevendo vino. Da allora Championnet e il fantoccio con le sue sembianze sono diventate il simbolo del Carnevale frusinate. Insieme ovviamente alla “radeca”, la tipica foglia d’agave simbolo di fertilità e prosperità.
Carnevale 2013 22Domani, in occasione del martedì grasso, la Festa della Radeca tornerà a rivivere. Con i nobili francesi e Championnet, i “radecari” e i “pantanari” con le loro cime di cavoli, i balli e i canti, il “Circolo” e la canzone del Carnevale, le fettuccine e il vino rosso. Come da tradizione.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni