Atuttapagina.it

Riforma dei consorzi industriali, Pigliacelli istituisce un tavolo di confronto

Marcello Pigliacelli«Il dibattito che si sta sviluppando intorno alla riforma dei Consorzi industriali richiede un’attenta analisi ed un’ampia condivisione territoriale». E’ quanto affermato dal presidente della Camera di Commercio di Frosinone Marcello Pigliacelli, che ha annunciato la convocazione nei prossimi giorni di un tavolo tecnico per affrontare il tema del futuro del “Consorzio per lo Sviluppo industriale di Frosinone” e del “Consorzio per lo sviluppo del Lazio meridionale”.
«La Camera di Commercio di Frosinone intende raccogliere l’invito che le forze sociali ed il sistema delle imprese hanno ripetutamente avanzato per proporre un tavolo concertativo tra le Istituzioni locali, le associazioni di categoria, i sindacati e la Ficei», ha proseguito Pigliacelli.
«Il tavolo ha lo scopo di sostenere dal basso lo sforzo riformatore che la Regione sta attuando, verificando gli impatti che le modifiche istituzionali proposte avranno sul sistema dei consorzi delle aree industriali della provincia di Frosinone. Questi enti hanno svolto un importante ruolo nello sviluppo industriale della provincia ed è responsabilità di tutti cercare di attuare riforme e modernizzare il sistema dei servizi nell’ottica dell’efficientamento pubblico. Ma tale processo di riforma – ha concluso Pigliacelli – deve tener conto delle grandi potenzialità di sviluppo legate agli investimenti previsti dalla FCA di Piedimonte ed all’accordo di programma dell’Area Frosinone-Anagni-Fiuggi. Inoltre, la nuova programmazione comunitaria e il Piano Strategico di Sviluppo che si sta costruendo con il contributo di tutti gli enti richiederanno servizi innovativi e tempestivi a favore delle imprese che vorranno investire nel nostro territorio. Queste iniziative, strategiche per il rilancio del territorio, devono poter contare su una rete locale di servizi pubblici pienamente efficiente, in grado di supportare senza ritardi le iniziative private e di sostenerle con adeguate iniziative di sistema: i due consorzi provinciali fino ad ora hanno pienamente svolto questo compito, è nostra intenzione favorire il coinvolgimento del territorio affinché il nuovo modello che si andrà a costituire sia altrettanto efficace ed efficiente».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni