Atuttapagina.it

Comuni rosa, la Regione Lazio premia le amministrazioni locali che sostengono le donne

Nicola Zingaretti2Per la prima volta in Italia nel Lazio nasce l’attestazione “Comuni alla Pari”, un’innovazione assoluta nel campo delle pari opportunità. Una certificazione di qualità rilasciata dalla Regione ai Comuni e agli altri enti locali che promuovono e garantiscono la presenza delle donne e che rispettano la rappresentanza di genere realizzando azioni positive per favorire la parità tra i sessi.
Il riconoscimento, oltre al conferimento di una targa che i Comuni potranno esporre, prevede una maggiorazione di punteggio nei bandi della Regione Lazio. Un sistema premiante, fino al 10% del punteggio totale, che fa la differenza ai fini della graduatoria di un bando. La Regione Lazio, con una propria delibera ha già indicato per i Comuni gli obiettivi da rispettare per ottenere questa certificazione ed ha già istituito l’Osservatorio regionale delle Pari Opportunità per la valutazione dei titoli.
Nelle valutazioni per rilasciare l’attestazione sarà presa in considerazione tutta una serie di indicatori: dalla presenza femminile nei ruoli apicali dell’Ente al rispetto delle quote di genere nelle società controllate, dalla delega alle Pari Opportunità alla costituzione del CUG (Comitato Unico di Garanzia), fino alla valutazione delle attività per educare al rispetto delle differenze di genere, alla promozione di politiche di conciliazione tra vita lavorativa e familiare, alla presenza degli “Sportelli donna” sul territorio, all’accesso ai servizi educativi, ai servizi integrativi e sperimentali per l’infanzia e l’adolescenza, dagli asili nido alle ludoteche e al consolidamento di attività imprenditoriali al femminile.
«Questa certificazione “Comuni alla Pari” è una vera e propria rivoluzione – dichiara il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – di cui siamo orgogliosi e che porta avanti la nostra strategia di rafforzamento e valorizzazione della presenza delle donne nella società e nelle Istituzioni. Grazie al sistema premiante nei bandi aumenteremo concretamente la presenza delle donne nelle amministrazioni del Lazio. Siamo in prima fila, ogni giorno, per fare del Lazio una regione “amica delle donne”: abbiamo investito 2,5 milioni di euro sul sostegno all’imprenditoria femminile con il programma “Donna Forza 8”, raddoppiato i fondi per i centri antiviolenza, rilanciato l’azione di prevenzione medica per le donne e dei consultori pubblici, oltre ad aver approvato la più innovativa legge in Italia contro la violenza sulle donne».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni