Atuttapagina.it

Ecco i temibilissimi tifosi del Frosinone

TifosiAllora, chiariamo subito. Bene hanno fatto l’arbitro Aureliano e il Giudice Sportivo Battaglia, rispettivamente, a calcare la mano sul referto e a chiudere due settori del Matusa per due partite. Che diamine, fermiamoli i facinorosi che si annidano a Frosinone!
Prendiamo la trasferta di Varese e guardiamole le facce dei tifosi presenti nella foto in alto. E’ evidente a tutti che si tratti di elementi pericolosissimi, basta notare le loro espressioni bellicose. La peggiore del gruppo è la donna, nome di battaglia “Canarina”, viso d’angelo e indole da capo ultrà: non bisogna assolutamente fidarsi di lei, è letale come pochissimi uomini sono capaci di esserlo all’interno di uno stadio di calcio. Senza sottovalutare gli altri, tutti elementi poco raccomandabili e dai quali bisogna guardarsi costantemente le spalle.
E poi ci sono quelli che a Varese non sono andati: settantenni abbonati ai Distinti con il look da tranquilli pensionati dietro il quale si cela l’istinto di coloro che allo stadio vanno esclusivamente per cercare gli scontri. Il ragionier Mario Macalli, persona equilibratissima e sempre pacata, aveva visto lungo quando affermò che «a Frosinone c’è gentaglia da mettere dietro le sbarre». Lui sì che, dall’alto della sua lungimiranza, aveva capito prima di tutti gli altri quanto fosse pericoloso il capoluogo ciociaro. Un posto al cui confronto i peggiori bar di Caracas fanno la figura delle attrazioni di Disneyland.
Accidenti allora, quella degli avvocati Aureliano e Battaglia è stata davvero una sentenza giusta! Anzi, sarebbe auspicabile che si provvedesse ad usare misure più efficaci contro i sediziosi che si spacciano per pacifici appassionati di calcio. Tutto intorno al Matusa si potrebbe, ad esempio, pensare ad una palizzata invalicabile o ad un fossato nel quale far nuotare alligatori affamati. Così i pericolosissimi tifosi del Frosinone staranno finalmente alla larga dallo stadio. E giustizia è fatta. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni