Atuttapagina.it

L’impegno del comitato Salviamo la Avezzano-Roccasecca per tutte le ferrovie dimenticate

Treno a vaporeIn occasione della Giornata nazionale delle ferrovie dimenticate, domenica 8 marzo, il Comitato Salviamo la Ferrovia Avezzano Roccasecca, impegnato adesso per il miglioramento del servizio di una linea ferroviaria per fortuna riaperta, vuole comunque dare un segnale che porti solidarietà alle ferrovie ancora da riaprire ed a quelle che resteranno chiuse, forse per sempre.
«Quest’anno – spiega il presidente del Comitato Emilio Cancelli – abbiamo preferito non aderire in maniera diretta a questa giornata per lasciare spazio alla “resistenza” messa in campo da associazioni come la nostra. Non per questo facciamo e faremo mancare il nostro appoggio e supporto alle azioni di chi come noi ha voluto e vuole che si riscopra l’utilità massima di una linea ferroviaria troppo presto chiusa e dimenticata».
«Pensiamo tra tutte – prosegue il presidente del Comitato Salviamo la Ferrovia Avezzano Roccasecca – alla vicina Sulmona Carpinone, che sta uscendo a passi da gigante dal dimenticatoio grazie all’Associazione Rotaie Molise ed alla Fondazione FS, con le quali abbiamo da tempo avviato una stretta collaborazione, in una comunione di scopi ed intenti».
«Perché la nostra ferrovia non torni ad essere una di quelle dimenticate – afferma ancora Cancelli – il Comitato lancia un segnale costante alle amministrazioni di tutti i livelli, Regioni in primis, ed a tutti gli organi istituzionali perché si investa di più sulla nostra ferrovia, si migliorino gli orari e l’integrazione tra i vari vettori di trasporto pubblico, si introducano nuove corse e non si consentano tagli lineari ed ingiustificati».
Non si può dimenticare che l’unico modo per tenere viva l’immensa eredità di una rete ferroviaria capillare, che collega tutti i territori interni dell’Italia in modo conveniente ed ecologico, è quello di fornire ai cittadini un servizio che li incentivi a lasciare la macchina in garage e sedersi comodamente a leggere un libro o intrattenere una discussione mentre il paesaggio scorre dal finestrino. Veicolo sociale e culturale il treno, non solo di movimento.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni