Atuttapagina.it

I ragazzi “permale” a Cassino, spettacolo di San Patrignano per far riflettere sulla tossicodipendenza

San PatrignanoE’ arrivato a Cassino il format teatrale “Ragazzi Permale”, lo spettacolo del progetto WeFree portato in scena dai giovani della comunità San Patrignano. Il format si pone l’obiettivo di diffondere un messaggio di prevenzione attraverso le esperienze, le storie di droga e di fatica di chi è passato attraverso una condizione di tossicodipendenza.
Questa mattina, al teatro “Manzoni” in piazza Diamare, è salito sul palco Damiano, 23 anni, per ripercorrere la sua personale storia di tossicodipendenza e di recupero, in un racconto scandito dalla conduzione del regista e attore Francesco Apolloni. E’ proprio attraverso le storie e parole del giovane, rivolte a ragazzi di poco più piccoli, che passa il messaggio di prevenzione: non solo un insegnamento, ma una condivisione del dolore provocato dalla dipendenza.
A Cassino erano presenti gli studenti e docenti degli istituti IIS “A. Righi”, ITIS “Majorana”, scuola secondaria “Conte”, ITCG “Medaglia d’Oro”, scuola media “Diamare”, scuola media “Di Biasio”. Lo spettacolo rappresentava l’ultima tappa dell’iniziativa “WeFree – Progetto di comunicazione e prevenzione del disagio giovanile” sostenuta da Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, che vede l’Associazione ALI-Arte Lavoro integrazione onlus come capo progetto, ed è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Cassino.
Da anni San Patrignano affianca all’impegno nel recupero dalla tossicodipendenza il progetto di prevenzione WeFree, sostenuto da Fondazione Ania e QN, che propone spettacoli teatrali incentrati sulle storie di alcuni ragazzi al termine del loro percorso di recupero. Dal 2002 i format teatrali di prevenzione inseriti nel progetto WeFree si sono sviluppati in oltre 400 tappe, con la partecipazione e il coinvolgimento attivo di oltre 40 mila studenti ogni anno nelle scuole medie e superiori.
Il dialogo del progetto WeFree prosegue anche sul web grazie al sito www.wefree.it.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni