Atuttapagina.it

La festa di Sant’Ambrogio a Ferentino: tra fede, storia e tradizioni

Ferentino Sant'AmbrogioFerentino si appresta a celebrare la Festa Patronale in onore di Sant’Ambrogio centurione e martire: un programma con manifestazioni culturali, musicali, artistiche e folkloristiche, curate dall’amministrazione comunale, Assessorato al Turismo, in collaborazione con l’Associazione Pro Loco.
«Le tradizioni della Festa Patronale a Ferentino – ha commentato il sindaco Antonio Pompeo – si perpetuano e si rinnovano di anno in anno con la stessa intensità. Eventi straordinari tra Fede, Storia, tradizioni, che tutta la città vive intensamente e con grandissima emozione. Le cerimonie e i riti in onore del Santo Patrono sono da sempre il momento centrale della vita religiosa e civile dei ferentinati. In tutte le famiglie si conserva e tramanda il ricordo, il racconto, gli episodi legati a questa speciale ricorrenza, tutti sono legati a questa festa che unisce e che ci rende orgogliosi di essere ferentinati».
«E’ merito anche dell’azione del parroco Don Luigi Di Stefano – ha continuato Pompeo – se il culto al Martire si è indirizzato verso una forma di più pura e sentita spiritualità. Don Luigi ha svolto una paziente opera di indagine storiografica, che ha contribuito a meglio definire il culto liturgico a favore di Sant’Ambrogio. Non si festeggia il Santo Protettore solo con la festa civile o con un rito folkloristico, ritualità che con il trascorrere del tempo possono svuotare la testimonianza della fede; bisogna riscoprire le radici storiche della fede e tramandarle attraverso le testimonianze del tempo alle future generazioni».
«Dal 1639 – ha aggiunto il presidente della Pro Loco Luigi Sonni – fu istituita la Festa del 1° Maggio dedicata al Santo Protettore Ambrogio, che ha la data del suo Martirio fissata al 16 Agosto 304, quando fu decapitato sotto la persecuzione di Diocleziano. Ferentino venera il suo patrono, Ambrogio martire, sempre con tanta fede, amore e con tanta passione. Per tanti il 1° maggio è occasione per tornare a Ferentino».
«L’amministrazione – ha spiegato l’assessore al Turismo Luca Bacchi – ha predisposto un programma di eventi per dare il giusto risalto a tale ricorrenza con momenti importanti, grazie alla collaborazione della Pro Loco e delle associazioni che hanno curato diversi appuntamenti. Un sentito ringraziamento a tutti quelli che lavorano per la buona riuscita delle manifestazioni, la Polizia Municipale, gli operai e i dipendenti comunali, le ditte delle manutenzioni. Previsto anche il servizio di bus navetta gratuito».
Questo il programma delle manifestazioni:
– giovedì 30 aprile: processione notturna con il Reliquiario del Santo, dalla Cattedrale percorre le vie del centro illuminate dai fuochi delle “pantasùme” che rischiarano il percorso ai devoti in processione nel Quartiere storico di Santa Lucia;
– venerdì 1 maggio: processione del 1° Maggio con la statua del santo e la colossale macchina processionale, opere d’indiscusso valore artistico. Grandiosa e commovente, preceduta dal solenne pontificale di monsignor Ambrogio Spreafico, vescovo diocesano. Alle 11:30 esce dal Duomo la statua di Sant’Ambrogio portato a spalla da oltre centocinquanta incollatori, suddivisi a gruppi di sedici nelle antiche Confraternite. Nel centro storico si terrà la tradizionale fiera-mercato e la giornata si chiuderà in piazza Matteotti con il concerto del cantautore Raf;
– sabato 2 maggio: reposizione della Statua del santo. Spettacolo pirotecnico.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni