Atuttapagina.it

Meraviglioso Frosinone, Pescara battuto e martedì il derby può regalare il secondo posto

Tifosi Curva NordIn un clima surreale, con metà Matusa privo di tifosi, e con una temperatura quasi estiva, il Frosinone ha battuto il Pescara per 2-1 ed è volato al quarto posto della classifica, a soli tre punti dal Bologna secondo e con una partita da recuperare: quella di martedì contro il Latina. E’ stato un altro pomeriggio memorabile per la squadra di Stellone, reduce dalle polemiche dell’ultimo mese e con solo una parte di tifosi al proprio fianco.
Distinti e Tribuna centrale desolatamente vuoti per la nota squalifica dei due settori. La Curva Nord, invece, presenta degli spazi vuoti, nonostante il “tutto esaurito” annunciato dalla segreteria della società. Stellone schiera il Frosinone con il 4-4-2, con Cosic preferito a Bertoncini e Santana impiegato come laterale destro di metà campo a supporto delle punte Lupoli e Dionisi. La partita inizia con dieci minuti di ritardo perché al Pescara viene imposto dall’arbitro di togliere la maglia verde, troppo simile al giallo della divisa del Frosinone: i giocatori ospiti indossano così delle maglie blu usate in allenamento e prive dei nomi dei calciatori sulle spalle. La partita non decolla almeno fino al 22′, quando Gucher colpisce al volo un pallone che scende nell’area del Pescara e trova l’attenta risposta di Fiorillo. Il gol del vantaggio giallazzurro arriva al 40′ proprio con Gucher, che si infila centralmente nell’area pescarese e riesce a mettere la palla appena sotto la traversa biancazzurra. Tre minuti più tardi è ancora Robert a provarci su calcio di punizione, ma il suo tiro risulta centrale. Il Frosinone va così all’intervallo sul risultato di 1-0.Ennio La 'mbriachella
La ripresa inizia nel migliore dei modi per il Frosinone. Dopo tre minuti Santana effettua una rovesciata nell’area del Pescara: il pallone viene fermato con un braccio da Zampano. Per l’arbitro Minelli è rigore. Sul dischetto va Lupoli che realizza il suo primo gol in maglia giallazzurra. Il 2-0 trasmette sicurezza al Frosinone, che adesso appare del tutto padrone del campo. Al 56′ ci prova Santana, davvero in grande spolvero oggi, con un tiro dalla distanza che si spegne sul fondo. Cinque minuti più tardi un sinistro di Politano si stampa sul palo alla destra di Zappino e sulla ribattuta Zampano si fa respingere la conclusione dal portiere giallazzurro. Scampato il pericolo, il Frosinone subisce la rete pescarese al 74′ su un precisissimo calcio di punizione battuto da Politano. È il gol del 2-1 e in questa fase del match il Pescara schiaccia costantemente il Frosinone nella propria metà campo. L’ingresso in campo di Daniel Ciofani, però, permette al Frosinone di salire e spostare il baricentro più a ridosso dell’area del Pescara. Proprio Daniel all’87’ tenta di sorprendere Fiorillo con un diagonale che però termina a lato. Allo scadere Dionisi semina il panico nella metà campo del Pescara, arrivando stanco al tiro dopo un’incredibile serpentina. Ma non ha più importanza, perché dopo tre minuti Minelli fischia la fine del match. Il Frosinone vince per 2-1 e può adesso pensare al derby di martedì con l’obiettivo di conquistare il secondo posto.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni