Atuttapagina.it

A Frosinone gli stati generali del malato oncologico

LiltIeri, giovedì 28 maggio, si sono svolti a Frosinone, presso il Salone di rappresentanza dell’amministrazione provinciale, i Quarti Stati Generali Regionali del Malato Oncologico, organizzato dalla Lilt di Frosinone in collaborazione con il Coordinamento Regionale del Lazio. Obiettivo degli Stati Generali quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sui bisogni e sulle esigenze dei malati oncologici, per rompere la gabbia sociale in cui le persone colpite da un tumore, ed i loro familiari, oggi si trovano a vivere.
In Italia attualmente oltre il 4% della popolazione ha avuto una diagnosi di tumore: mille nuovi casi al giorno sono stati registrati nel 2012.
2 milioni e 800 mila italiani vivono con una precedente diagnosi di tumore, con il 33% di tutte le disabilità ed inabilità, tra quelle riconosciute dall’Inps, causate da patologie tumorali. 4 milioni le persone (familiari e caregiver) che si prendono cura dei malati.
Oltre alle autorità locali sono interventi agli Stati Generali parlamentari, consiglieri regionali, il presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Frosinone Fabrizio Cristofari e il direttore generale della Asl di Frosinone Isabella Mastrobuono.
Diversi i contributi venuti dal mondo scientifico a partire da quello del professor Domenico Francesco Rivelli di Bologna, consigliere nazionale Lilt, dal dottor Norberto Venturi, dalla dottoressa Sandra Spaziani, dal dottor Riziero Concetti, dal dottor Federico Mancini e dalla professoressa Alice Battista.
Aspetto centrale della giornata il ruolo dell’ambiente nell’insorgenza e nella crescita dei tumori, tema reso ancora più stringente dalla presenza nel territorio della provincia di Frosinone di siti altamente inquinanti con elevata mortalità e morbilità in relazione alla presenza di sostanze altamente inquinanti.
Nei tumori da causa ambientale può giocare un ruolo fondamentale la prevenzione. La prevenzione primaria, fatta cioè a monte della malattia sulle sue cause, può riuscire a far diminuire la frequenza della malattia oncologica. A tal fine si è deciso di siglate un protocollo di intesa tra Lilt e Consorzio Industriale della provincia di Frosinone nell’ottica di una collaborazione con le numerose attività industriali ancora presenti nel territorio, affinché possa essere attuata una reale prevenzione oncologica nei lavoratori a rischio.
Non sono mancati momenti anche toccanti legati alle testimonianze di pazienti oncologici ed alla voce delle associazioni a cui ha fatto da cornice il dono del pallone per la prevenzione, realizzato dalla Lilt, al direttore generale del Frosinone Calcio Ernesto Salvini.
Un documento conclusivo della giornata è stato siglato dai rappresentanti delle Sezioni Lilt del Lazio (Bruno Pisaturo di Roma, Alfredo Cecconi di Latina, Enrico Zepponi di Rieti e Norberto Venturi di Frosinone), che ha previsto, visto il successo delle precedenti edizioni, di svolgere ancora una volta a Frosinone la quinta edizione degli Stati Generali Regionali del Malato Oncologico.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni