Atuttapagina.it

Casaleno, il Pd contro Mastrangeli: “False parole per dipingerci come quelli che non vogliono lo stadio”

Casaleno«Da tifosi e da cittadini abbiamo gioito della storica promozione in Serie A del Frosinone e dal punto di vista politico amministrativo continuiamo a seguire l’evoluzione dei lavori per la costruzione del nuovo stadio. Pensiamo, in relazione all’accelerazione imposta dalla recente promozione del Frosinone in Serie A, che nonostante la nostra proposta per la realizzazione dello stadio non sia stata tenuta nella giusta considerazione sia giusto da parte di tutti impegnarsi e spingere affinché il nuovo impianto sportivo proposto si realizzi al più presto. Faremo il tifo anche per questo. Un aspetto, tuttavia, totalmente diverso da quanto espresso ci preme sottolineare. Il tentativo di volerci indicare come frenatori della costruzione del nuovo stadio e responsabili di eventuali ritardi è stato smascherato dalle false dichiarazioni dell’assessore Riccardo Mastrangeli e di altri esponenti dell’amministrazione Ottaviani. L’assessore Mastrangeli ha ripetutamente affermato di essere stato “costretto per un mese ad andare a Roma anche per una sigla su un foglio. Una parte del Pd, coloro che hanno firmato questa cosa, ha creato un nocumento alla città, perché ruspe e gru invece di partire oggi potevano partire anche venti giorni fa o un mese fa. Hanno rallentato le normali procedure. Se non ci fosse stato l’esposto il parere si sarebbe avuto quando abbiamo presentato la progettazione un mese fa. Questa vicenda dell’esposto ha fatto rivedere tutta la procedura” e inoltre afferma: “La Cassa depositi e prestiti è una partecipata dello Stato. Dunque l’esposto è stato girato immediatamente. La Corte dei Conti era stata informata che ci sarebbe stata una revisione dei mutui. Quando è arrivato l’esposto lo ha passato pari pari alla Cassa depositi e prestiti. Così è partita la procedura di accertamento e revisione”. L’assessore Riccardo Mastrangeli mente sapendo di mentire per il semplicissimo motivo che nel momento in cui pronunciava le sue parole di accusa nei confronti del Pd la segnalazione alla Corte dei Conti non era ancora arrivata perché inviata solo in data 25 maggio». Lo scrivono in una nota congiunta il segretario del Circolo Pd di Frosinone Norberto Venturi, il presidente del Circolo Pd di Frosinone Francesco Brighindi e il capogruppo del Pd al Consiglio comunale Michele Marini.
«Il rispetto per i cittadini passa soprattutto attraverso la verità e non cercando di mistificare i fatti nell’intento di prefigurare eventuali responsabilità del Pd nell’ipotesi di ulteriori ritardi nel completamento del nuovo stadio», conclude il comunicato del Pd di Frosinone.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni