Atuttapagina.it

La denuncia della Uil di Frosinone: “Se la nostra sanità non volterà pagina, collasserà a breve”

Ospedale FrosinonePotenziare le Case della Salute. Per la Uil di Frosinone questo è l’impegno che i referenti istituzionali devono assumere nei confronti di tutti i cittadini, consentendo a queste strutture di essere dotate di punti di primo intervento e di altri servizi. Sul nostro territorio mancano, infatti, 500 posti letto per acuti e 60 post acuzie, la Medicina d’urgenza, le Unità operative di Diabetologia ospedaliera aziendale, i reparti di Dermatologia, le strutture per la Medicina dello Sport, la Riabilitazione pubblica ospedaliera ed a Cassino resta un solo reparto di Otorinolaringoiatria.
«Singolare – scrive in una nota la Uil di Frosinone – è che di tutto questo nessuno se ne accorge o fa finta di non accorgersene. L’importante, infatti, è che per oscure ragioni ogni anno la Asl di Frosinone preferisca continuare a spendere milioni di euro per l’acquisto di prestazioni interne ed esterne, quando invece potrebbe derogare – come accaduto a Roma e a Latina – al divieto di nuove assunzioni e dotarsi di personale, evitando così di far subire pesantissime ripercussioni alla salute della gente».
«Per la Uil – prosegue il comunicato – è scandaloso che davanti ad una situazione così preoccupante si siano andate a potenziare le strutture amministrative a scapito di quelle operative, le uniche indispensabili per far fronte ai bisogni socio-sanitari locali».
Per la Uil «è improrogabile potenziare la gamma delle offerte specialistiche di un Dea di secondo livello a Frosinone, visto che l’attuale rete ospedaliera, oltre ad essere carente negli organici, non risponde più alle esigenze della popolazione che con la cronica carenza del personale medico e paramedico vede scemare la qualità delle prestazioni e subire forti disagi. Se la nostra sanità non volterà pagina collasserà a breve con ripercussioni gravissime sulla pelle di tutta la popolazione: ecco perché per la Uil la pagina va, invece, voltata e pure rapidamente, passando per una profonda revisione dell’Atto aziendale, già nell’immediato improponibile e per il futuro assolutamente inadeguato».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni