Atuttapagina.it

In libreria Misteri di una notte d’estate della studentessa di Frosinone Giulia Mastrantoni

Giulia MastrantoniIl 22 maggio ha visto la luce “Misteri di una notte d’estate”, l’antologia firmata da Giulia Mastrantoni. La scrittrice, ventiduenne di Frosinone, aveva vinto quindici giorni prima il primo premio per la sezione Narrativa Giovani al concorso internazionale Napoli Cultural Classic. Oltre ad avere all’attivo una moltitudine di collaborazioni con riviste, una laurea in Lingue e diversi viaggi di studio e non, Giulia ha una gran voglia di fare.
“Misteri di una notte d’estate” è un susseguirsi di storie, tutte diverse, a tratti ironiche, tutte immerse in un mondo di assurdità e contraddizioni in cui gli stereotipi vengono scardinati e i segreti rivelati. C’è una vecchia solitaria che si imbatte in un gallo magico e inizia a rivivere la sua gioventù, uno Spiderman che va a ballare quando la moglie è in vacanza, un cane che non capisce gli uomini e che rivoluziona un tranquillo pomeriggio d’autunno. E poi c’è Elise, la giovane che non ne può più di essere un giocattolo sessuale e che è pronta a tutto pur di liberarsi di chi l’ha usata. Silvia e il suo alter ego sono le due adolescenti che affrontano la vita, chi coraggiosamente e chi rintanandosi nel proprio guscio. Un gruppo di personaggi, alcuni fiabeschi e altri incredibilmente reali, scenari che vanno dal non sense al thriller; le tinte si susseguono assecondate dalle sfumature della prosa e i personaggi prendono vita accompagnando il lettore nella propria storia.
La raccolta, edita da Edizioni Montag in versione cartacea, è disponibile in libreria, oltre che su una moltitudine di stores online, tra cui Mondadori, Amazon, Ibs, Libreria Universitaria, San Paolo, Libreria Fernandez, MaurOnline.

Dal racconto “Elise” nell’antologia: «La ragazza che stava facendo colazione in cucina era alta, mora, non bellissima, ma carina. Avrebbe potuto avere diciassette anni, come pure ventiquattro. A quell’età, nessuna ragazza dimostra mai realmente gli anni che ha, complici il trucco, i tacchi, gli abiti, ma anche un viso che si ostinava a rimanere innocentemente infantile. Elise aveva ventiquattro anni, diversi amanti, nessun accenno di rimorso nel cuore».

Giulia Mastrantoni1

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni