Atuttapagina.it

Regione, aperta la discussione per l’esenzione dell’aumento Irpef per l’80% dei cittadini del Lazio

Regione LazioEsenzione della maggiorazione dell’addizionale regionale Irpef 2015, imposta regionale sulle emissioni sonore degli aerei, bollo auto per veicoli in leasing. Sono questi i tre ambiti di una proposta di legge in materia di tributi regionali illustrata questa mattina in commissione Bilancio del Consiglio regionale dall’assessore Alessandra Sartore. Il dibattito generale è stato fissato, al termine della seduta, per martedì 30 giugno dal presidente della commissione, Mauro Buschini, data dopo la quale si affronteranno articoli ed emendamenti al testo.
La proposta di legge prevede l’esenzione della maggiorazione dell’addizionale regionale Irpef per il 2015 per redditi imponibili non superiori a 35 mila euro. Inoltre, saranno esenti anche i nuclei familiari con reddito imponibile fino a 50 mila euro e tre o più figli a carico. «Per i contribuenti con reddito imponibile compreso tra 28 mila e 35 mila euro – ha detto l’assessore al Bilancio Sartore – tali misure determinano una riduzione del prelievo fiscale, rispetto a quanto dovuto per l’anno di imposta 2014, quantificabile in valori pro-capite in 97 euro su base annuale». La manovra, che la legge di stabilità dello scorso dicembre aveva già prefigurato, escluderà dalla maggiorazione dell’addizionale regionale Irpef un milione e 497 mila contribuenti (cui vanno aggiunti quelli con un reddito non superiore a 15 mila euro, pari a oltre 833 mila cittadini). Le minori entrate a carico del bilancio regionale saranno oltre 199 mila euro, i cui oneri saranno fatti valere sul fondo per la riduzione strutturale della pressione fiscale.
Il provvedimento interviene anche in materia di imposta regionale sulle emissioni sonore degli aeromobili (Iresa). Si tratterà di adeguare questo tributo al decreto legge “Piano Destinazione Italia” dopo una pronuncia della Corte costituzionale. Ne consegue la necessità di abbassare la tariffa, che non può superare i 50 centesimi la misura massima per tonnellata di peso massimo al decollo. Ne deriverà «una riduzione del gettito del tributo da 55 milioni di euro a 13,5 milioni per ciascuna annualità del triennio 2015-2017». Il bilancio di previsione, in via prudenziale (visto il giudizio pendente alla Consulta), aveva individuato in 35 milioni il gettito annuo. Il terzo articolo delle “Disposizioni in materia di tributi regionali” riguarda la possibilità di usufruire dell’esenzione temporanea del pagamento del bollo auto anche per i soggetti autorizzati o abilitati al commercio e alla rivendita di veicoli concessi in uso noleggio senza conducente, di cui risultino essere già proprietari.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni