Atuttapagina.it

Sparatoria alle Fornaci, arrestato l’albanese che fece fuoco contro due rumeni

Fornaci VillageI fatti risalgono allo scorso 16 aprile, quando intorno alle 4 del mattino due bande, una albanese e l’altra rumena, si erano date appuntamento presso il Multisala Sisto di Frosinone per un regolamento di conti.
Era iniziata una vivace discussione tra i gruppi per affermare il controllo sulle piazze dello spaccio e della prostituzione.
Gli animi si sono scaldati ed un albanese ha estratto una pistola puntandola e sparando contro i componenti della banda rivale: due i feriti gravi trasferiti presso il pronto soccorso dell’ospedale Spaziani in codice rosso.
Immediate le indagini della Polizia e dei carabinieri, che sono riusciti a bloccare e sottoporre a fermo uno dei due albanesi, un ventottenne residente a Frosinone complice nella sparatoria.
Anche l’auto su cui i due erano fuggiti è stata recuperata, ma dell’esecutore materiale si erano perse le tracce.
Polizia e carabinieri hanno lavorato fianco a fianco conducendo le rispettive indagini. La Polizia Scientifica si è messa al lavoro per le rilevazioni di impronte e la visione delle immagini.
Il quadro investigativo si delineava con sempre maggiori elementi, che hanno consentito di identificare l’autore degli spari. Si tratta di un albanese di 24 anni residente a Roma, da tempo irreperibile.
Nella serata di ieri, però, durante un servizio di controllo del territorio i carabinieri di Albano Laziale hanno fermato una Mini Cooper. Alla guida un giovane albanese sprovvisto di documenti.
L’uomo, accompagnato presso la sua abitazione, ha esibito i documenti e dal controllo nella banca dati interforze è emerso un ordine di cattura nei suoi confronti.
Sono allora partiti gli agenti della Squadra Mobile e del Nucleo Radiomobile dei carabinieri di Frosinone.
Sono, dunque, scattate le manette per il cittadino albanese con precedenti per rapina e spaccio di sostanze stupefacenti.
Accompagnato al carcere di Velletri, l’uomo dovrà ora rispondere di duplice tentato omicidio.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni