Atuttapagina.it

Cassino, quasi 5 milioni per le infrastrutture e l’indotto Fiat

Fiat PiedimonteRaggiunta oggi un’intesa tra la Regione Lazio e la Provincia di Frosinone per sbloccare subito un milione e 260 mila euro destinati alla manutenzione straordinaria della viabilità e delle infrastrutture a ridosso dello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano. I fondi sono già nella disponibilità della Provincia.
3,5 milioni di euro per rilanciare e sostenere l’indotto. La Regione sostiene un programma di interventi che verrà approvato entro l’anno e che porterà alla realizzazione di una serie di opere infrastrutturali e al sostegno delle piccole e medie imprese dell’indotto Fca. L’obiettivo è promuovere nuove iniziative imprenditoriali, sviluppo, internazionalizzazione e un aumento del livello tecnologico, della ricerca e dell’innovazione legati al settore dell’automotive.
Ulteriori risorse potranno arrivare poi dai fondi europei, in particolare dalla “Call for proposal” relativa alla reindustrializzazione e al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali del Lazio. La Call sarà pubblicata entro il mese di luglio e destinerà 70 milioni di euro alle filiere produttive e ai settori industriali che presenteranno i migliori progetti di riqualificazione industriale e remanufactoring.
«Siamo vicini al territorio con poche parole, ma con i fatti concreti – ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti -. Siamo convinti che per cambiare il Paese e la nostra Regione servano istituzioni credibili, capaci di lavorare insieme e di creare le condizioni per migliorare la competitività del territorio e rilanciarne l’occupazione. Il complesso industriale Fca del Cassinate e tutto l’indotto che gli gravita intorno sono una realtà economica importantissima e l’impegno della Regione a sostegno degli investimenti in tutto questo comparto non poteva mancare».
«Il rilancio dello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano, nel quadro della nuova strategia industriale di Fca, rappresenta una straordinaria opportunità per tutto il territorio laziale e significativamente per il riposizionamento competitivo delle piccole e medie imprese dell’indotto – ha commentato Guido Fabiani, assessore allo Sviluppo Economico e Attività Produttive -. E’ una sfida che la Regione Lazio ha raccolto fin da subito, attraverso l’avvio di un programma di reindustrializzazione capace di accompagnare i processi di riorganizzazione, innovazione tecnologica e internazionalizzazione del sistema produttivo, nonché attraverso il rifinanziamento della legge regionale 46 con 3,5 milioni di euro nel triennio 2015-2017 e il recupero di oltre 1,2 milioni di euro di economie del vecchio programma di interventi».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni