Atuttapagina.it

Ferentino, l’arte della sabbia e i suoni del sax alla seconda serata di Fiati in concerto

Secondo appuntamento a Ferentino con la rassegna Fiati in Concerto: continua lo spettacolo a piazza Mazzini di una rassegna musicale pensata per tutti i generi di pubblico. Questa sera 17 luglio, così come già avvenuto lo scorso anno, ci si avvicina alle famiglie, ai più piccoli ma anche ai meno giovani. Il messaggio questa volta viene veicolato attraverso l’arte della sabbia, storie disegnate sulla sabbia appunto (in inglese Sand Art) ed accompagnate dalle note di Gershwin, Piazzolla, Bernstein, Glass. Dopo le fiabe di Gianni Rodari, narrate da Vanessa Gravina, lo scorso anno, sarà la volta di una “installazione” estemporanea, che confida nell’aria ferma a scongiura il vento “spettrale” tipico della terrazza sulla Valle del Sacco, quale è piazza Mazzini. “Fiati in concerto” nella sua semplicità vuole, con questo concerto, ricordare chi a Ferentino amava l’arte prodotta estemporaneamente e che negli anni ha saputo valorizzarla in ogni maniera, come Giancarlo Canepa, architetto ed artista poliedrico, scomparso pochi mesi fa. A salire sul palco saranno Simona Gandola e Dispari sax Quartet.
Simona Gandola, dopo aver conseguito la maturità scientifica, si laurea in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Frosinone. Qui ha inizio la sua esperienza come Sand Artist: viene, infatti, selezionata nel 2011 per prendere parte, in qualità appunto di Sand Artist, allo spettacolo “Dio e Stephen Hawking” diretto da Alessandro Gassman e rappresentato a Venezia, Vicenza e Padova. Questa è la prima di una serie di esibizioni che la vedono, ad esempio, nel 2012 al “Musical Europa Festival” di San Benedetto del Tronto, dove accompagna l’esibizione di diversi artisti tra cui gli interpreti di Notre Dame de Paris di Riccardo Cocciante, e nel 2014 a Cave, dove apre la serata in occasione della presentazione del libro “Chiara d’Assisi, elogio della disobbedienza” di Dacia Maraini. Dal 2013 si occupa dell’illustrazione delle storie della trasmissione “Buonanotte con le favole di Yoyo” in onda su Rai Yoyo e dal 2014 porta nelle scuole e nei teatri di tutta Italia uno spettacolo per ragazzi dal titolo “I sogni nel vagone”, in cui collabora con due attori burattinai, Irene Tarzia e Valerio Mammolotti.
Il Dispari sax Quartet si forma nel 2009 e da subito si misura con i più grandi nomi della letteratura cameristica saxofonistica. La formazione approfondisce lo studio del saxofono e della musica d’insieme con molti maestri quali Massimo Bettazzi, David Brutti, Giuseppe Mastrangelo, Gianni Oddi e Filiberto Palermini.
Diversi sono gli appuntamenti importanti che si susseguono negli anni come la partecipazione ad alcune produzioni discografiche (Spazi Sonori 2009) e festival internazionali: nel 2011 suonano in occasione del “Suona Italiano” nel Conservatorio di Lille proponendo un repertorio di sole composizioni contemporanee italiane.
In sezione il quartetto collabora con l’Orchestra di Fiati “Città di Ferentino”, con la quale nel luglio 2013 vince il World Music Contest di Kerkrade, il concorso più importante al mondo per questo tipo di formazione.
Tra il 2014 e il 2015 ottiene riconoscimenti in prestigiosi concorsi di musica da camera nazionali (Etruria Classica, Giulio Rospigliosi) e collabora con il famoso Basso Donato Di Stefano.
Il repertorio del Dispari Sax Quartet spazia in diversi ambiti musicali comprendendo firme di grandi autori: Alfred Desenclos, Philip Glass, Jean Françaix, Phil Woods, Jean Rivier, Pedro Iturralde, Alexander Glazunov, Eugene Bozza, Ennio Morricone, George Gershwin, Leonard Bernstein, Xavier Girotto, Franco Donadoni.

Simona Gandola

Dispari Sax Quartet

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni