Atuttapagina.it

Frosinone, una strada di collegamento tra via Fedele Calvosa e via Armando Fabi

Via Calvosa, via Fabi«L’amministrazione Ottaviani ha iniziato, nei giorni scorsi, i lavori per la realizzazione della strada di collegamento tra via Fedele Calvosa e via Armando Fabi». Lo scrive in una nota il Comune di Frosinone.
«Finalità dell’intervento, che rientra in un precedente accordo di programma, è quella di snellire il traffico che interessa quotidianamente le vie in questione ed il tratto compreso della Monti Lepini, facilitando, nel contempo, coloro che devono recarsi presso l’ospedale del capoluogo. Dopo la realizzazione della strada saranno eseguiti i lavori per l’illuminazione pubblica e per la fognatura; successivamente sarà costruito un parcheggio ed allestita un’area verde. Sarà, inoltre, realizzata una rotatoria nei pressi dell’uscita prevista su via Armando Fabi, la quarta su questa arteria, al fine di mettere in sicurezza il traffico veicolare e pedonale in transito su entrambe le strade», spiega ancora il comunicato dell’amministrazione comunale.
Soddisfatto l’assessore ai lavori pubblici e manutenzioni Fabio Tagliaferri, che ha dichiarato: «Con la costruzione della via di collegamento riusciremo a dare una risposta concreta e significativa agli abitanti di Frosinone, che potranno beneficiare della diminuzione del traffico nell’area in questione ed accedere alle vie Armando Fabi e Fedele Calvosa in maniera più celere ed agevole. Del resto è con i fatti che si amministra ed è questo un punto fermo sul quale, ormai da tre anni, abbiamo basato la nostra attività».
«Abbiamo pianificato, ed ora stiamo realizzando, interventi mirati non soltanto a snellire il traffico, ma anche a garantire la sicurezza dei cittadini – ha commentato il sindaco Nicola Ottaviani -. Un elemento essenziale, sul quale non si può transigere. A questo mirano gli interventi per la pubblica illuminazione, i parcheggi e la rotatoria sulla strada di collegamento che stiamo realizzando e che renderanno la stessa pienamente fruibile per tutti».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni