Atuttapagina.it

Un altro ritorno alla Globo, Sora riabbraccia Pierlorenzo Buzzelli

Globo Sora Pierlorenzo Buzzelli4La Globo Banca Popolare del Frusinate Sora ufficializza il suo primo acquisto: a schiacciare con la maglia dell’Argos Volley ci sarà Pierlorenzo Buzzelli. E anche se lo ha già fatto nella stagione 2011/12, questa volta sarà diverso.
«Quest’anno avrò un ruolo un po’ diverso rispetto a quello ricoperto tre stagioni fa – spiega entusiasta Pierlorenzo Buzzelli -. Il progetto che mi ha illustrato coach Soli mi stimola parecchio, in quanto mi permetterà di lavorare in palestra sia da schiacciatore che da opposto garantendomi una doppia possibilità di essere utile alla squadra. Per questo lavorerò sodo per migliorare i fondamentali di seconda linea e incrementare quelli di attacco. Sicuramente rispetto alla stagione 2011/12 sono cresciuto molto: allora ero il più piccolo della squadra e venivo da campionati di B2 e B1, mi affacciavo per la prima volta nel mondo della Serie A e ogni giorno per me era un’emozione nuova. Mi sono sempre messo a disposizione della squadra cercando di imparare quanto più possibile da quei campioni e farmi trovare pronto quando l’allenatore mi chiamava in campo. Poi, quando sono andato via, ho cercato solo di mettere in pratica e incrementare tutto quello che avevo appreso a Sora, ottima palestra formativa per la serie».
Buzzelli arrivò nel 2011 all’Argos Volley con un biglietto da visita di tutto rispetto che impressionò e non poco il vertice societario che lo scelse come secondo opposto pronto a subentrare a Kay Van Dijk. Stampato su quel biglietto c’era un grande numero, il 630, ossia tutti i punti che l’attaccante aveva messo a segno nelle 30 gare disputate nella stagione precedente tra le fila della Serapo di Gaeta. Quel grande risultato gli valse il premio “Golfo d’Oro 2011” quale miglior giocatore della Serie B2, ma soprattutto il doppio salto di categoria fino alla A2. L’Argos Volley vide in lui della “futuribilità” e non si sbagliò, perché oggi Pierlorenzo è un atleta professionista di grande caratura.
«Sora ha creduto in me permettendomi il doppio salto dalla B2 alla A2 e oggi, dopo aver fatto altre esperienze, posso dire che in me c’è molto di Sora soprattutto in alcuni fondamentali come il servizio. Gli allenamenti di mister Alberto Gatto e i consigli di uno specialista del settore come Enrico Libraro mi hanno permesso di migliorare molto l’incisività della battuta e di questo gliene sarò per sempre grato. Senza dimenticare la gestione psicologica della partita: Scappaticcio e Van Dijk erano fortissimi in questo».
Lo schiacciatore Pierlorenzo Buzzelli torna a Sora e se il vertice societario continua nella sua strategia dei “ritorno” forse non è un caso e, dunque, oltre alla meritocrazia dell’atleta c’è profonda convinzione e mai ripensamento nelle scelte di mercato passate e presenti.
«In questi anni non mi è mai mancato l’affetto dei tifosi sorani sia tramite i social network sia quando sono tornato al PalaGlobo seppur da avversario. Senza contare che il rapporto di stima che mi lega alla famiglia Giannetti ci ha fatto trovare in accordo in dieci minuti. Sono davvero felice di ritrovare tanti amici e lottare ancora per questa maglia». (Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora)

Globo Sora Pierlorenzo Buzzelli

Globo Sora Pierlorenzo Buzzelli1

Globo Sora Pierlorenzo Buzzelli2

Globo Sora Pierlorenzo Buzzelli3

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni