Atuttapagina.it

Un gelato pagato per i bimbi in difficoltà, l’iniziativa arriva a Frosinone

Gelato pagatoDall’antica tradizione solidale del “caffè sospeso” napoletano ad un’iniziativa in favore dei bambini provenienti dalle famiglie meno abbienti.
E’ caldo, ogni bimbo chiede un gelato. Non tutti i genitori possono, però, corrispondere a questa piccola richiesta. Ma se compri un gelato per te o per i tuoi bambini puoi lasciarne uno “in sospeso” per la prima famiglia in difficoltà economica che entrerà in uno dei negozi aderenti al “Salvamamme Ice Cream month”, chiedendo se c’è un gelato sospeso. Un’usanza, quella del caffè sospeso, che fino a qualche anno fa era molto diffusa nelle città italiane, soprattutto nel Napoletano, che dimostrava un sentimento di solidarietà, collettività e condivisione. Sarebbe bello, ora, rispolverare questa antica tradizione con un piccolo progetto che parte dal basso, da ogni singola famiglia che propone l’idea alla sua gelateria di fiducia. Se ci sarà entusiasmo i bimbi accaldati avranno un piccolo delizioso piacere.
Il progetto inizia venerdì 31 luglio e terminerà lunedì 31 agosto. Dal sito www.salvamamme.it è scaricabile gratuitamente la locandina da esporre sulla vetrina delle gelaterie che aderiscono all’iniziativa. Ogni gelateria predisporrà un vaso trasparente nel quale chi vuole può mettere l’offerta per i gelati “in sospeso”. La gelateria, poi, regolarmente, emetterà lo scontrino al momento della consegna del gelato alla famiglia che lo riceverà.
«So che questo progetto susciterà molti interrogativi: “Ma la famiglia sarà veramente bisognosa?”. “Ma il gelataio non si approprierà dei soldi?” – ha commentato Grazia Passeri, presidente dell’associazione Salvamamme -. La verità è che non lo sappiamo. Speriamo bene, la fiducia negli altri deve rinascere e da qualche parte si deve ripartire. Facciamolo con un gelato».
La Gelateria Sbardella, in via Tagliamento a Frosinone, aderisce all’iniziativa “Salvamamme Ice Cream month”. Pressi i locali della gelateria sarà possibile lasciare un “gelato pagato” per un bambino la cui famiglia è in difficoltà: sarà compilato un apposito elenco con le donazioni.
Sii generoso, lascia un gelato pagato. E, se hai difficoltà, non avere imbarazzo a chiederlo: è un pensiero per il tuo bimbo che ne sarà felice. (Gabriele Margani)

Gelato pagato1

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni