Atuttapagina.it

Appuntamento con la legalità, a Ceccano incontro con l’associazione Libera

LiberaContinua a Ceccano il cammino di educazione e diffusione della legalità, nell’ambito del percorso “Il significato della Giustizia”. Il Castello dei Conti de’ Ceccano sta finalmente assumendo le vesti di un polo accentratore di attività, rendendo così lustro anche alla sua storia. Alla presenza di una folta delegazione dei ragazzi della Pastorale Giovanile dei Padri Passionisti, provenienti dall’hinterland partenopeo, si è infatti tenuto un incontro tenuto dall’Ispettore della Polizia municipale, Armando Giovannone. Dopo la proiezione di un video in cui Don Tonino Palmese, responsabile campano dell’Associazione “Libera”, spiegava la realtà del territorio, con grande passione e senso civico i presenti hanno partecipato ai lavori che comunque per la Polizia municipale di Ceccano non sono una novità. Va, infatti, ricordato che azioni educative di questo tipo i Vigili Urbani ne svolgono diverse soprattutto nelle scuole cittadine, diffondendo valori legati al senso civico ed alla legalità. Nel video mostrato all’incontro Don Tonino Palmese ha, invece, ricordato che «legalità è stare dalla parte dei poveri, dei giusti e che bisogna fare di tutto per essere solidali e partecipare alla vita di associazioni che promuovono la solidarietà, un valore positivo per la crescita di ogni persona». Facendo poi riferimento agli articoli 3 e 32 della Costituzione, è venuto fuori che spesso tutti noi non ci sentiamo cittadini, mentre in realtà, ha sostenuto Don Tonino, «siamo tutti cittadini e come tali chiamati a partecipare attivamente alla vita ed alla politica delle nostre città, onde evitare di divenire sudditi». L’invito a partecipare alla diffusione della legalità riguarda tutti indistintamente, perché tutti abbiamo pari dignità e diritti, valori che «finiamo per perdere – come è stato detto nell’incontro – se si partecipa ad associazioni malavitose». Il messaggio è che lo Stato può dirsi forte nei suoi principi e nella sua Costituzione soltanto se sostiene la legalità facendo onore ai suoi Padri fondatori e a quanti hanno lottato e dato la vita per tali valori. Al termine i volontari del “Laboratorio della Memoria” hanno spiegato la storia del Castello dei Conti de’ Ceccano e la professoressa Teresa Anelli ha portato i saluti del sindaco Roberto Caligiore, dell’assessore alla Pubblica Istruzione Mario Sodani e dell’assessore alla Cultura Stefano Gizzi.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni