Atuttapagina.it

Polverizzati gli abbonamenti al Frosinone, ma l’organizzazione non è degna della Serie A

Frosinone tifosiLa notizia è che gli abbonamenti allo stadio Matusa sono terminati già in tarda mattinata: un risultato che si sapeva essere alla portata del Frosinone considerato l’interesse intorno alla squadra.
Resta, però, l’amaro in bocca per come è stata gestita dalla società l’intera campagna. Partiamo dalla fine. In questi minuti sui social network e sui forum si sono accese le polemiche sulla rapidità con la quale sono terminati gli abbonamenti, messi in vendita a partire dalle 9:30 di questa mattina. A detta di molti tifosi destano sospetto i tempi così veloci intercorsi tra l’inizio della vendita libera e l’esaurimento delle tessere: tantissimi avanzano il dubbio che non tutti gli abbonamenti siano stati messi in vendita e che qualche “privilegiato” abbia goduto di una corsia preferenziale. Qualcuno ha anche calcolato i tempi di emissione degli abbonamenti: 34 ogni minuto, una tempestività che ha ulteriormente alimentato le polemiche.
E così sono stati tanti coloro che sono rimasti senza il posto allo stadio Matusa. I pareri, va precisato, sono unanimi: a criticare la società sono sia coloro che sono rimasti a bocca asciutta che quelli che l’abbonamento lo hanno rinnovato nella prima fase della campagna.
Gravemente carente è poi stata la comunicazione relativa all’intera campagna. Ieri sulla porta del Frosinone Point è apparso un comunicato che avvertiva che lo stesso Point presso il Fornaci Village non avrebbe aperto questa mattina: la notizia è stata riportata da qualche tifoso sui social network e da alcuni giornali, tra i quali Atuttapagina.it. Nessuna comunicazione, invece, sui canali ufficiali del Frosinone Calcio: il sito internet, la pagina Facebook e il profilo Twitter. Perché?
Questa mattina, poi, in molti hanno scoperto troppo tardi che neppure la vendita online avrebbe preso il via. Anche in questo caso la mancanza da parte del circuito BookingShow non è stata comunicata dal Frosinone: tanti erano pronti a sottoscrivere l’abbonamento collegandosi al sito www.bookingshow.it, ma solo questa mattina si sono resi conto che non era possibile farlo.
E un’altra carenza nella comunicazione è legata all’assoluta assenza di note sull’esaurimento degli abbonamenti. Siamo alle 17 e magari qualche tifoso è convinto di riuscire a trovare la tessera: quando verrà avvisato che non è più possibile?
Andando a ritroso e arrivando alla prima fase della campagna, nei primi giorni ha stonato l’assoluta assenza di rappresentanti della società per confrontarsi e rassicurare i tifosi in fila al Fornaci Village per esercitare il loro diritto di vecchi abbonati. E pure “stridenti” sono apparsi i continui cambiamenti di orari del Frosinone Point dello stadio Matusa durante la fase di sottoscrizione della tessera del tifoso.
E allora adesso si resta in attesa che venga comunicato il numero di abbonamenti sottoscritti: un numero che non è chiaro a nessuno. Dispiace constatarlo, ma la Serie A è un’altra cosa e questo tipo di organizzazione non è degno della categoria. Si cambi passo all’istante, perché a breve le brutte figure non verranno fatte solo con i propri tifosi ma anche con le società avversarie del massimo campionato. (Gabriele Margani)

Foto di Luca Lisi

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni