Atuttapagina.it

Frosinone, Ottaviani visita le scuole per l’inizio dell’anno

Nicola OttavianiIl sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani, in concomitanza con l’inizio del nuovo anno scolastico, ha fatto visita, nella giornata di lunedì, ad alunni ed insegnanti della scuola media Luigi Pietrobono, appartenente al Secondo istituto comprensivo cittadino, mentre ieri mattina ha incontrato i ragazzi ed il personale docente della scuola media Campo Coni e dell’elementare Amedeo Maiuri del Quarto comprensivo, della media Aldo Moro del Primo comprensivo, del Liceo scientifico Francesco Severi e della scuola media Nicola Ricciotti del Terzo istituto comprensivo. Nei prossimi giorni proseguirà l’incontro con docenti ed alunni delle altre scuole, per gli auguri d’inizio del nuovo anno scolastico, con una serie di confronti sulle prospettive dell’istruzione pubblica locale. La visita del primo cittadino è stata l’occasione non soltanto per augurare buon lavoro agli alunni ed a tutto il personale impegnato nella formazione scolastica dei giovani, ma anche per conoscere, attraverso il rapporto diretto con gli interessati, le problematiche relative alle singole strutture. «L’istruzione è la chiave di volta per una società migliore, perché permette non soltanto di uscire dalla crisi economica, ma anche di arginare e combattere i tristi fenomeni degli ostacoli all’integrazione, del razzismo e dell’emarginazione – ha commentato il sindaco Nicola Ottaviani -. Per questo è importante che bambini e ragazzi portino avanti con impegno e determinazione la dura e formativa attività dello studio e che gli insegnanti lavorino per renderla meno onerosa e più piacevole possibile. Le piccole difficoltà quotidiane che si incontrano nello studio non devono mai essere vissute come drammi, ma devono rappresentare le tappe essenziali per la crescita culturale ed interiore dei singoli. Per far questo è anche necessario che le strutture scolastiche siano sicure e pienamente fruibili ed è in tal senso che questa amministrazione comunale intende continuare a lavorare».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni