Atuttapagina.it

Il punto con la Juventus non cancella i torti arbitrali, al Frosinone mancano tre rigori

L’entusiasmo per il pareggio con la Juventus sembra lo stesso del 16 maggio, quando il Frosinone conquistò la promozione in Serie A. L’euforia in tutto l’ambiente è palpabile e con questo stato d’animo i leoni ciociari possono coltivare la legittima ambizione di proseguire sulla strada dei risultati.
A mente fredda, però, si può affermare con maggiore serenità che il punto dello Juventus Stadium non cancella i torti arbitrali subiti. Al Frosinone mancano un paio di calci di rigore, forse anche tre. Contro il Torino il contatto Dionisi-Moretti, la “parata” di Digne contro la Roma e la deviazione con il braccio di Barzagli nel match contro la Juventus. Che il Frosinone sia in credito con la “fortuna”, per così dire, è palese. Che la squadra di Stellone potesse avere qualche punto in più in classifica se le fosse stato concesso quanto le spettava, è altrettanto inconfutabile.
Ecco, adesso che il Frosinone è riuscito a muovere la classifica e uno storico risultato è stato ottenuto non vorremmo che tutto il resto passasse in secondo piano. Alla squadra giallazzurra non va concesso né più, né meno di quello che merita sul campo. Essere all’esordio in Serie A non vuol dire accettare supinamente ogni cosa senza reagire. E le direzioni arbitrali devono essere all’altezza della categoria. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni