Atuttapagina.it

La doppia fede calcistica? Tra Davide e Golia si sta sempre dalla parte del Frosinone

Tifosi Martina TerrinoniFrosinone, come tantissime altre città di provincia, soprattutto del centrosud, è un luogo nel quale da sempre convive la doppia fede calcistica. Per tanti anni il Frosinone ha affrontato con orgoglio stagioni più o meno felici in campionati rispettabilissimi ma con alterno interesse. In quello stesso periodo tantissimi hanno sì seguito le vicende giallazzurre, ma si sono pure appassionati ad una squadra di Serie A. Non c’è da scandalizzarsi, è stato così: senza ipocrisie e senza fondamentalismi.
Negli ultimi anni, però, il Frosinone ha iniziato a far parlare bene di sé sui campi della Serie B e da questa stagione potrà mettersi in mostra addirittura nel massimo campionato. Ecco allora manifestarsi il dilemma: cosa faranno tutti coloro – e, va ripetuto, sono la maggioranza – che fino a questo momento in Serie A tifavano per una sola squadra?
Contro la Roma il “problema” si presenterà per la prima volta. Poi toccherà alla Juventus, quindi alla Lazio, all’Inter e al Milan. Per ognuna di queste partite – e forse anche per le altre – ci saranno dei tifosi che saranno combattuti.
Questi sostenitori, però, dovrebbero già sapere cosa fare. Tra Davide e Golia si sta sempre dalla parte del meno forte: il “piccolo” Davide/Frosinone. Ognuno è libero di tifare chi vuole, ci mancherebbe altro!, ma almeno per due partite nell’arco dell’intera stagione, tra andata e ritorno, si dovrebbe incitare il Frosinone. Perché è la squadra della propria terra, perché rappresenta il riscatto del calcio di provincia su quello multimilionario e perché ne ha più bisogno delle cosiddette “big”. E allora già a partire da Frosinone – Roma di sabato prossimo i simpatizzanti giallorossi del nostro territorio facciano il tifo con convinzione e passione per la squadra giallazzurra. Per questa volta la doppia fede calcistica va riposta in un cassetto e scegliere da che parte stare dovrebbe essere facile. (Gabriele Margani)

Foto di Martina Terrinoni

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni