Atuttapagina.it

Il Prefetto Zarrilli a Veroli per l’evento Libriamoci: “Giovani diventino maestri di buone maniere”

E’ iniziato con successo a Veroli l’evento “Libriamoci. Giornate di lettura ad alta voce”, promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – attraverso il Centro per il libro e la lettura – e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) attraverso la Direzione Generale per lo Studente. L’iniziativa, promossa sul territorio dal I Istituto Comprensivo di Veroli diretto dal preside Salvatore Cuccurullo, stamani ha ospitato “Le Istituzioni”. Presenti all’appuntamento il Prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli, il sindaco Simone Cretaro, l’assessore alla cultura Cristina Verro e il presidente della Provincia Antonio Pompeo con il consigliere provinciale responsabile delle biblioteche Germano Caperna.
Tutti i rappresentanti delle Istituzioni hanno provveduto a promuovere la lettura quale fondamentale momento di crescita intellettuale. Sono stati letti brani di libri sulla Costituzione, la politica e la democrazia, che hanno destato notevole interesse da parte dei numerosi studenti delle classi terze della scuola media Mazzini. «Avere la disponibilità dei massimi rappresentanti delle Istituzioni locali e provinciali è stato per la nostra scuola molto importante, perché i ragazzi sentono interesse intorno a loro», ha detto il preside Cuccurullo.
Diritti, doveri, solidarietà, partecipazione democratica. Sono stati questi gli argomenti maggiormente trattati negli interventi. «Rispetto delle regole – ha avuto modo di sottolineare il Prefetto Zarrilli – perché la nostra Costituzione non è altro che una significativa raccolta di regole e sappiamo tanto quanto sia indispensabile, specie da parte dei giovani, diventare maestri di buone maniere e comportamenti che salvaguardano il vivere quotidiano e l’intero nostro territorio economico e sociale».
«Ringrazio il Prefetto per aver raccolto l’invito ad essere presente a Veroli per questa iniziativa – ha aggiunto il sindaco Cretaro -, perché le Istituzioni devono essere vicine ai cittadini ed in particolare ai giovani, al fine di avvicinarli alla quotidiana vita civica e, quindi, alla politica quale fattore di confronto e di ascolto in grado di poter contribuire all’ulteriore crescita e sviluppo del nostro territorio». Domani nella seconda giornata, sempre alle 10, presso l’aula magna comunale, saranno ospitate le Forze dell’Ordine che tratteranno l’argomento della legalità.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni