Atuttapagina.it

Anche la Serie A si sta accorgendo del fattore Matusa

Sarà lo stadio di casa il fattore determinante per il Frosinone per conquistare la salvezza. Sono i numeri a dirlo. Nelle due precedenti stagioni la squadra di Stellone ha lasciato le briciole agli avversari quando ha giocato al Matusa. E la storia si sta ripetendo in questo campionato. Dopo i primi due passi falsi contro Torino e Roma, sconfitta quest’ultima del tutto immeritata, il Frosinone ha messo in fila tre vittorie consecutive contro Empoli, Sampdoria e Carpi.
La Serie A, insomma, inizia a fare i conti con il fattore Matusa. Se le altre diciannove squadre del torneo pensavano di poter fare razzia a Frosinone, si sbagliavano di grosso. Il legame tra i giallazzurri e il suo pubblico è talmente forte che, pur in uno stadio piccolo come il Matusa, il tifo risulta spesso determinante. Ma non sono solo i sostenitori a fare la differenza. Semplicemente, il Frosinone in casa si trasforma: diventa una squadra solida e sicura.
Nelle ultime tre stagioni i leoni ciociari hanno perso solo tre volte sul proprio campo: contro la Ternana lo scorso anno e con il Torino e la Roma, appunto, in questa stagione. Delle ultime quarantacinque partite giocate al Matusa in campionato il Frosinone ne ha vinte trentatre. E 108 sono i punti conquistati in casa a partire dalla prima giornata del campionato di Lega Pro di due anni fa. Numeri che pochissime altre squadre possono vantare. Forse tra i professionisti solo la Juventus, prima di questa complicatissima stagione, poteva fare sfoggio di un rendimento del genere allo Stadium. E domenica contro il Genoa il Frosinone non vuole fermarsi. Ovviamente puntando sul fattore Matusa. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni