Atuttapagina.it

Processo Valle del Sacco: respinta la prescrizione, la difesa presenta elementi di incostituzionalità

«Il giudice Coderoni del Tribunale di Velletri nell’udienza sul processo Valle del Sacco ha respinto le istanze della difesa sulla prescrizione. Questa decisione era auspicabile, ma anche piuttosto scontata. Le parti civili avevano percepito, infatti, da parte della difesa, un tentativo di forzare la mano al procedimento senza avere nelle mani una carta valida per affossarlo. Avvalora tale ipotesi il nuovo tentativo avanzato, nella stessa udienza, dai legali degli imputati successivamente alla sentenza del giudice». Lo afferma Alberto Valleriani, presidente di Retuvasa – Rete per la Tutela della Valle del Sacco, l’associazione ambientalista che sta seguendo tutte le fasi del processo sulla Valle del Sacco.
«La nuova istanza – scrive Valleriani – ha in qualche modo gelato l’aula, non tanto per l’ammissibilità quanto per l’improbabile accettazione della stessa, a dimostrazione che si sta in tutti i modi cercando di allungare i tempi per giungere ad una prescrizione per decorrenza dei termini, in vista degli interrogatori degli imputati e della sentenza di primo grado».
«In breve, la difesa ha presentato la richiesta di incostituzionalità dell’articolo 157 comma 6 della Legge 251/2005, meglio conosciuta come Legge ex Cirielli, che declassificava in termini di prescrizioni alcuni reati, ma che per i reati contestati agli imputati, articoli 416 e 417 cpp, ne raddoppiava i termini – spiega il presidente di Retuvasa -. La modifica in questione è stata introdotta nel corso degli ultimi passaggi parlamentari, allo scopo di evitare che con la riforma potessero prescriversi alcuni delitti di notevole rilievo sociale quali ad esempio i disastri, quindi anche quello ambientale».
«Secondo il nostro parere – attacca Valleriani – la difesa presenta elementi di incostituzionalità sul regime differenziato di prescrizione appellandosi alla violazione del principio di eguaglianza di cui all’articolo 3 Cost., che impone un trattamento sanzionatorio (comprensivo anche dei termini prescrizionali) proporzionato alla gravità del fatto».
«A questo punto – prosegue il rappresentante di Retuvasa – il giudice ha rimandato il tutto alla prossima udienza del 19 novembre, nella quale si dovrà pronunciare se rigettare la richiesta della difesa oppure rimandare il giudizio di costituzionalità alla Corte Costituzionale».
«C’è da dire che l’eccezione sollevata potrebbe fare giurisprudenza, ma a parere dei legali dell’accusa, che possono presentare memoria fino a dieci giorni prima dell’udienza, non sussistono elementi fondanti affinché venga ammessa e pertanto il processo deve continuare senza ulteriori interruzioni provocatorie fino al primo grado di giudizio», conclude Alberto Valleriani.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni