Atuttapagina.it

Sostegno e tutela ai lavoratori somministrati, la Felsa Cisl apre uno sportello a Cassino

«I prossimi mesi, in attesa dell’avvio della produzione della Giulia presso lo stabilimento Fiat Chrysler Automobiles (Fca) di Cassino, saranno decisivi per le sorti del nostro territorio in termini occupazionali. La provincia di Frosinone è in attesa di riscatto e vuole ritornare ad assurgere al ruolo che merita, quale terra di lavoro. L’accordo sottoscritto a livello nazionale tra la Felsa Cisl e la Fim Cisl si pone l’obiettivo di intercettare e tutelare i lavoratori somministrati e rispondere alle loro esigenze, dal momento che la somministrazione negli ultimi anni è una delle forme contrattuali più diffuse nel mercato del lavoro a livello nazionale e territoriale». Lo affermano, con una nota congiunta, il segretario regionale della Felsa Cisl Lazio Stefano Tomaselli e il segretario della Fim Cisl Mirko Marsella.
Sul rilancio economico della nostra provincia, tema tanto dibattuto negli ultimi mesi, interviene anche Pietro Maceroni, segretario generale della Cisl di Frosinone, sottolineando come «per il rilancio della parte sud della provincia i confini debbano diventare orizzonti e deve partire da noi, dal territorio, una progettualità seria e concreta che ponga le basi per un nuovo sviluppo».
«Questa analisi della realtà – prosegue Maceroni – ci indica le direttive e le azioni da mettere in campo e per questo la Cisl, e nello specifico la Felsa Cisl Lazio, che da sempre rappresenta e tutela il mondo della somministrazione, ha deciso di presidiare il territorio di Cassino attraverso l’apertura presso la sede in via Bonomi di un apposito Sportello rivolto ai lavoratori in somministrazione, che si occuperà di erogare le diverse prestazioni connesse alla bilateralità che, con il rinnovo del contratto della somministrazione, sono state rafforzate».
«L’apertura in ogni regione italiana di sportelli territoriali ha permesso di avvicinare i giovani al sindacato, di mettere al centro il territorio riducendo sensibilmente le distanze con coloro che rappresentiamo, permettendoci di assisterli al meglio nelle loro diverse esigenze. Da queste premesse nasce il bisogno di diffondere maggiormente la conoscenza delle prestazioni erogate dagli enti bilaterali, quali Ebitemp e Formatemp», conclude Maceroni.
Nel dettaglio chi è somministrato ha la possibilità di:
– chiedere il rimborso del ticket sanitario al 100% per prestazioni eseguite presso una struttura pubblica o privata convenzionata con il SSN;
– ottenere il rimborso delle spese odontoiatriche;
– accedere al sostegno al reddito, asilo nido e maternità per le donne;
– accedere al credito, a condizioni agevolate, fino a 5.000 euro a tasso zero.
Per maggiori informazioni lo Sportello Felsa è aperto presso la sede della Cisl di Cassino in via Bonomi.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni