Atuttapagina.it

Tre giorni di letture e confronti tra studenti e Istituzioni, a Veroli conclusa l’iniziativa Libriamoci

Si è conclusa positivamente l’iniziativa “Libriamoci – Giornate di lettura ad alta voce”, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, attraverso il Centro per il libro e la Lettura, e dal Miur, attraverso la Direzione Generale per lo studente. A Veroli è stato il 1° Istituto Comprensivo, diretto dal preside Salvatore Cuccurullo, a promuovere l’iniziativa finalizzata a mettere al centro dell’attenzione la lettura, con l’obiettivo di attirare l’attenzione degli studenti su argomenti di vario genere in grado di favorire la crescita intellettuale delle giovani generazioni. In questo percorso i ragazzi sono stati seguiti dal corpo docente, in particolare dalle professoresse Mizzoni e Zaffi Borgetti.
Dopo la prima giornata, in cui le massime autorità provinciali e locali – Prefetto, presidente della Provincia e sindaco – hanno letto e discusso sulla Carta costituzionale, la democrazia e le regole istituzionali, nella seconda giornata gli studenti che frequentano la classe terza della scuola media “Giuseppe Mazzini” e quelli della sede distaccata dell’Istituito sita in Santa Francesca sono stati attenti alle letture ed agli approfondimenti tenuti dal vicequestore Simeone e dallispettore della Squadra Mobile di Frosinone Joubert, dal dirigente Lucidi dei Vigili del Fuoco e dal comandante della Polizia provinciale Belli e di quella Locale De Sanctis e dall’ispettore superiore del Corpo Forestale Cristiani, su delicati argomenti che hanno focalizzato l’attenzione sul concetto della legalità. Spunti di riflessione sono stati quelli sull’ascolto, la prevenzione della sicurezza, il bullismo ed il cyber-bullismo e la tutela ambientale.
Sabato ultima giornata di letture ad alta voce: l’autore Francesco Coccia e sua figlia, l’onorevole Laura Coccia, hanno intrattenuto gli oltre centocinquanta studenti leggendo passi del libro “A modo mio”, un testo quasi autobiografico familiare, con immagini e fotografie della vita di Laura scritte e raccontate da papà Francesco. Un incontro, anche questo, molto interessante per i temi sulla disabilità e la famiglia e che ha visto particolare attenzione e trasporto da parte dei ragazzi su un argomento molto delicato e molto discusso nella vita di tutti i giorni. Tante e profonde le riflessioni in queste tre giornate, con partecipazione e domande da parte degli studenti a conclusione degli argomenti trattati.
«Sono queste le iniziative – ha affermato il preside Cuccurullo – che consentono alla scuola di crescere insieme al territorio. Con la lettura, infatti, è possibile creare un ponte tra il mondo della scuola e le Istituzioni, in un percorso di valorizzazione e rispetto reciproci». Una tre giorni, dunque, molto proficua in quanto occasione di sano confronto e crescita individuale, collettiva e territoriale.
«L’amministrazione comunale – ha avuto modo di dire il sindaco Simone Cretaro – ringrazia il preside ed il corpo docente che hanno favorito questa importante iniziativa finalizzata a stimolare l’attenzione dei giovani alla lettura quale elemento fondamentale di crescita intellettuale ed umana. Ringrazio, inoltre, tutti i rappresentanti istituzionali, per tutti il Prefetto di Frosinone, per la disponibilità data nella circostanza alla nostra città per consentire ai nostri giovani di sviluppare le loro conoscenze».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni