Atuttapagina.it

7 Coppe dei campioni al Matusa, il Frosinone vuole battere la leggenda del Diavolo

Da una parte sei anni di Serie B, una sessantina tra Serie C, Lega Pro, Serie D e Interregionale e tanti campi polverosi di provincia calcati soprattutto nel centro-sud Italia. Dall’altra sette Coppe dei Campioni o Champions League, secondo la più recente denominazione, un’altra dozzina di trofei internazionali, tra i quali tre Coppe Intercontinentali, diciotto scudetti e cinque Coppe Italia. E poi giocatori che sono entrati nella leggenda, come gli “Invincibili” dei primi anni ’90 o come la squadra degli olandesi degli anni ’80 o ancora alcuni autentici fuoriclasse italianissimi come Maldini, Rivera o Baresi. Per non parlare di allenatori che hanno scritto la storia del calcio mondiale: Rocco, Sacchi, Capello, Ancelotti. L’elenco potrebbe continuare a lungo.
Insomma, per chi ancora non lo sapesse, domenica al Matusa si affronteranno il debuttante Frosinone e il mito Milan. Un “mito”, in realtà, un po’ appannato negli ultimi anni: la squadra rossonera delle ultimissime stagioni non è paragonabile a quella che ha vinto tutto per decenni. E proprio per questo il Frosinone può riuscire nell’impresa: una sfida che in ogni caso resta proibitiva per la squadra di Stellone, ma che con il coraggio e la sfrontatezza di chi si è affacciato in Serie A con rispetto ma senza timori può provare a far sua. Il Leone vuole mettere paura al Diavolo. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni