Atuttapagina.it

I canarini diventano leoni, sotto l’albero un libro sugli ultimi dieci anni del Frosinone

Sotto l’albero di Natale un libro sulle grandi imprese e le pagine più belle del Frosinone Calcio.
È uscito nelle edicole del capoluogo il volume “Frosinone 2006-2015. I canarini diventano leoni”, scritto da Piergiorgio Renna con le fotografie di Federico Casinelli e Massimo Scaccia, per ricostruire le vicende sportive degli ultimi dieci anni con riferimento al primo torneo di Serie B 2006-07, ai quattro successivi campionati tra i cadetti, alla caduta in Lega Pro, alle due promozioni in Serie B nel 2014 e in Serie A nel 2015 con i relativi festeggiamenti ed alle prime tredici partite del campionato di Serie A 2015-16.
200 pagine che costituiscono il prosieguo del libro “Frosinone 1906-2006. Serie B come Bellator”, pubblicato dallo stesso autore dopo la prima promozione in Serie B e testimoniano la “trasformazione” dei canarini in leoni, individuata nella netta vittoria (1-4) nel derby di Latina del 2 novembre 2014.
«Due minuti bastavano a Daniel Ciofani per cambiare le sorti del superderby – scrive Renna nel libro – e dare un nuovo indirizzo al campionato del Frosinone che acquisiva maggiore convinzione e l’amore incondizionato dei tifosi. Due minuti che iniziavano al 15′ e che devono ancora finire perché, da quei due minuti, è iniziata un’altra storia del Frosinone calcio: i canarini si sono trasformati veramente in leoni, al di là di loghi e mascotte e al di là del simbolo della provincia. Una vittoria? No. Molto di più come dimostravano oltre 1.000 persone che si riversavano allo stadio “Matusa” in attesa del ritorno dei calciatori».
Un momento magico come quelli delle feste per le ultime due promozioni, immortalati dagli scatti di Federico Casinelli e Massimo Scaccia, che con 300 fotografie a colori in grande formato fanno rivivere tutte le emozioni nell’ultimo decennio, dai cinque anni della Serie B con Lodi e gli incontri con Juventus e Napoli (dopo quelli con Tivoli e Rutigliano solo due anni prima), con Eder e con tutti gli altri protagonisti fino alla Lega Pro e, poi, le grandi feste dopo le partite contro il Lecce e il Crotone. Tante foto dei calciatori, ma anche tante foto dei tifosi, le più belle coreografie della Curva Nord, l’esultanza di tanta gente comune con un forte senso di identità e orgoglio, che trasuda dalle pagine del volume. Non si tralasciano, però, le basi di questi trionfi con la retrocessione e la gestione della Lega Pro, gli scudetti Berretti ed Allievi del 2012.
Il libro sul calcio diventa anche un’occasione che l’autore coglie per una riflessione sociale sulla città e la provincia: «Il Frosinone in Serie A rappresenta un’opportunità di crescita per un territorio che, al contrario della squadra di calcio, è retrocesso ripetutamente nell’ultimo decennio: dalla 70ª posizione nella classifica de Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita dei capoluoghi di provincia nel 2005 con la squadra in Serie C1 all’89º posto del 2015 e a livelli ancora peggiori per alcuni indicatori nel 2016 con la squadra in Serie A». Di qui l’idea di un convegno e un dibattito sul tema “Il Frosinone in Serie A: un punto di arrivo o un punto di partenza per la squadra e il territorio?”, con il coinvolgimento di relatori anche a livello nazionale, in occasione della presentazione del volume al pubblico nel salone di rappresentanza dell’amministrazione provinciale nel mese di febbraio del 2016.

Federico Casinelli Piergiorgio Renna1

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni