Atuttapagina.it

Il Consorzio Cosilam incontra i sindaci per l’attuazione del Piano Regolatore Territoriale

Si è svolto ieri pomeriggio presso la sala conferenze del Polo Logistico l’incontro con i sindaci soci del Cosilam sul Piano Regolatore Territoriale (Prt). Un appuntamento voluto dalla governance del Consorzio per revisionare l’intero piano prima dell’adozione da parte dell’assemblea generale dei soci.
«Quella di oggi è una giornata storica per il nostro Consorzio – ha affermato il presidente Pietro Zola -. Dopo i confronti, le discussioni, le osservazioni, finalmente siamo a un passo dall’adozione del primo Piano Regolatore Territoriale del Cosilam. Uno strumento importante che rivoluzionerà completamente l’intero sistema industriale del Lazio meridionale. E quando parlo di “sistema industriale” mi riferisco a ogni sua connotazione: automotive, estrattivo, turistico, artigianato, commerciale. Fino a questo momento il nostro territorio si è dovuto confrontare con un piano territoriale ereditato dal Consorzio Asi di Frosinone e che insisteva solo nei comuni di Cassino, Pontecorvo, Roccasecca, Piedimonte San Germano e Villa Santa Lucia. Solo cinque comuni rispetto ai trentaquattro che fanno parte del Cosilam. Volendo tradurre questi numeri possiamo dire che fino a oggi si è viaggiati con il freno tirato. Fino a oggi questo territorio ha dovuto fare i conti con uno strumento che non contemplava tutte le esigenze dei comuni. Ringrazio per il lavoro svolto i progettisti del Prt (gli ingegneri Gennaro Grieco e Achille Sasso e gli architetti Vincenzo Rago e Armando Latini) e il responsabile del procedimento e responsabile dell’Ufficio Tecnico del Cosilam (l’ingegnere Vincenzo Di Vizio). A questo punto il Prt passerà all’attenzione dell’assemblea generale dei soci del Cosilam che sarà convocata tra la fine del mese di gennaio e i primi giorni di febbraio».
E proprio nella seduta dell’assemblea generale dei soci il presidente illustrerà i risultati del censimento 2015 e della campagna d’ascolto.

Cosilam1Cosilam2

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni