Atuttapagina.it

Un asteroide con il nome di Frosinone, l’importante scoperta dell’astrofisico Gianluca Masi

Il Minor Planet Center, che opera presso lo Smithsonian Astrophysical Observatory di Cambridge, nello Stato americano del Massachusetts, sotto gli auspici dell’International Astronomical Union, ha ufficialmente reso noto che all’asteroide (243637) è stato assegnato il nome di “Frosinone”.
La prestigiosa istituzione ha così accolto la proposta dell’astrofisico Gianluca Masi, nato a Frosinone e cresciuto a Ceccano, da dove da oltre 35 anni osserva e studia il Cosmo. Lo stesso Masi aveva scoperto l’asteroide oggi denominato “Frosinone” nel 1999 proprio dal suo osservatorio di Ceccano e la scorsa estate, in qualità di scopritore e come previsto dalle procedure, aveva fatto pervenire alla Committee on Small Body Nomenclature, dell’International Astronomical Union, la propria proposta, con motivazione, di dedicarlo all’antica città Volsca.
D’ora in poi, pertanto, il nome della città capoluogo Frosinone verrà incluso ufficialmente nella nomenclatura scientifica internazionale, grazie a questo corpo celeste orbitante intorno al Sole.
L’asteroide (243637) Frosinone è stato individuato la notte dell’8 ottobre 1999 da Gianluca Masi, dal suo osservatorio di Ceccano. Nelle immagini di scoperta, ottenute proprio durante una sessione osservativa volta alla ricerca di nuovi pianetini, veniva individuato un oggetto tra le stelle della costellazione di Pegaso che, ad un immediato controllo, risultava essere un asteroide sconosciuto. Come da procedure, per formalizzare la scoperta occorrevano osservazioni di conferma ottenute in una notte successiva, che per ragioni meteorologiche non fu possibile ottenere da Ceccano. Si rivelarono, pertanto, importantissime le osservazioni di verifica effettuate, su richiesta di Masi, dal Powell Observatory e dal Farpoint Observatory, entrambi nel Kansas.
In base a tali conferme, il Minor Planet Center rilasciava per il nuovo corpo celeste la designazione provvisoria di “1999 TZ10”, attribuendone la scoperta a Gianluca Masi. Negli anni successivi ulteriori osservazioni consentivano di perfezionare la conoscenza orbitale dell’asteroide, fino a giungere alla numerazione definitiva 243637. A quel punto lo scopritore poteva sottoporre alla Committee on Small Body Nomenclature dell’International Astronomical Union una proposta di “battesimo”, opportunamente motivata. E così, lo scorso agosto, Gianluca Masi suggeriva il nome di Frosinone, con la seguente motivazione: «Denominata Frusna al tempo dei Volsci e poi Frusino dai Romani, Frosinone è città capoluogo e località di nascita dello scopritore. Tracce di insediamenti umani risalgono al basso Paleolitico. Durante la Seconda Guerra Punica essa fu distrutta da Annibale, dopo aver rifiutato di arrendersi».
Ieri 28 dicembre, infine, il Minor Planet Center pubblicava sulla Circolare MPC 97569 l’ufficializzazione del nome “(243637) Frosinone”, che d’ora in poi farà formalmente parte della nomenclatura astronomica.
L’asteroide “Frosinone” ha un diametro stimato intorno al chilometro e mezzo, si trova nella cosiddetta Fascia Principale degli asteroidi, tra Marte e Giove, ad una distanza media dal Sole di circa 360 milioni di chilometri e impiega tre anni e otto mesi per completare un’orbita attorno alla nostra stella.

Asteroide Frosinone

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni