Atuttapagina.it

Frosinone, ci si salva con l’equilibrio: guai al disfattismo in questo momento

Il Frosinone non era salvo dopo la vittoria sull’Empoli e il pareggio con la Lazio e non è retrocesso adesso dopo la sconfitta contro la Sampdoria. Era noto a tutti che ci sarebbe stato da soffrire. Anzi, all’inizio della stagione realisticamente si temeva che il Frosinone si sarebbe staccato in fretta dal treno salvezza e sarebbe retrocesso con un certo anticipo rispetto alla fine del campionato.
E, invece, questa squadra ha mostrato un carattere non da poco, superando anche il difficile periodo tra novembre e gennaio. Ci sono stati alti e bassi in classifica: il Frosinone dopo la sconfitta contro il Torino nella prima giornata di ritorno ha toccato il fondo, ma poi ha avuto la forza di rialzarsi e riavvicinarsi alla zona salvezza.
Si commetterebbe un grave errore se adesso, dopo la sconfitta di Genova, si pensasse che non ci sia più nulla da fare. Il pessimismo non va bene, il disfattismo poi è da mettere al bando. Il Frosinone non ha bisogno di sentimenti negativi da parte di nessuna componente: stampa per prima e poi tifosi. Ci si salva con l’equilibrio, con la misura e con la prudenza. Guai a farsi prendere da facili isterismi in questo momento: del resto il calendario, per quanto riguarda le prossime partite, non lo consente visto che sembra sorridere al Frosinone. Non ci si faccia prendere la mano dalla demoralizzazione: il Leone non è ancora morto. (Gabriele Margani)

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni