Atuttapagina.it

Omicidio di Serena, i Ris passano al setaccio l’alloggio dell’ex comandante dei carabinieri di Arce

I carabinieri del Ris questa mattina sono entrati nell’ex abitazione del comandante dei militari di Arce, Franco Mottola, dove, secondo un’ipotesi investigativa, potrebbe essere stata uccisa Serena Mollicone.
Ad autorizzare la verifica è stato il sostituto procuratore Maria Beatrice Sirago, magistrato di Cassino, che indaga sul misterioso e tutt’ora irrisolto omicidio della ragazza di 18 anni trovata uccisa in un bosco nel maggio del 2001.
I tecnici del Ris hanno passato al setaccio l’ex alloggio di servizio alla ricerca di eventuali tracce che possano spiegare dove la giovane sia stata uccisa.
Una ricerca comprensibilmente molto ardua, considerando che sono passati ben 15 anni dall’omicidio e che, nell’abitazione, hanno continuato a vivere diverse persone.
Gli indagati per l’omicidio restano l’ex comandante dei carabinieri Mottola, la moglie ed il figlio e gli inquirenti sperano che i recenti ritrovati della tecnologia forense ed investigativa possano svelare se la giovane Serena Mollicone sia stata uccisa in quel posto.
Per farlo è stato usato il celebre Luminol, la sostanza che reagisce anche a tracce infinitesimali di sangue umano (ma che può essere annullato semplicemente spargendo ammoniaca sulle macchie di sangue), ma anche sofisticati sistemi di rilevazione delle tracce su muri e pavimenti.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni