Atuttapagina.it

Realizzò il murales che abbellisce viale Marconi a Frosinone, condannata per imbrattamento AliCè

800 euro di multa per AliCè, condannata per imbrattamento dal Tribunale di Bologna. La sentenza per la nota street artist Alice Pasquini è stata letta nel pomeriggio di lunedì dal giudice monocratico Gabriella Castore: era stata denunciata dalla Polizia municipale e poi è finita a processo per aver impresso alcuni dei suoi disegni sui muri della città. La denuncia risale a ottobre 2013 e il provvedimento, nei giorni successivi alla notizia, aveva fatto discutere. Fu organizzata anche una manifestazione in sua solidarietà, con tanto di performance artistica sulla staccionata che delimitava il cantiere sotto le Due Torri. AliCè non era presente in aula. Il suo difensore, avvocato Stefania Martelli, ha detto che la sentenza «verrà sicuramente appellata». Il pubblico ministero, nella scorsa udienza, aveva chiesto l’assoluzione.
«Penso di aver contribuito a valorizzare la città e non ad imbrattarla, soprattutto perché le opere sono state realizzate in aree degradate. Oggi, invece, è stato sancito il principio per cui qualsiasi espressione artistica è reato», commenta Alice Pasquini. «Ho evitato di parlare di questo procedimento – dice la street artist – avendo fiducia che venisse riconosciuta dalla giustizia l’infondatezza dell’accusa, in cui non mi riconosco. Adesso sono molto delusa».
Alice è la più celebre street artist italiana, conosciuta in tutto il mondo. Lo scorso giugno, invitata dagli organizzatori del festival letterario “Tutti i colori del libro”, ha riportato a nuova vita il muro di viale Marconi, realizzando davanti agli occhi di curiosi e fan un’opera bellissima – in seguito “sfregiata” dal gesto di un incivile – e donandola alla città di Frosinone. Nella foto si vede Alice al lavoro nel capoluogo.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni