Atuttapagina.it

“Una gran bella storia”. Con questa motivazione il Coni premia il Frosinone di Stirpe

C’è anche il Frosinone Calcio tra le società che domani 16 febbraio riceveranno il “Premio Coni Lazio 2015”, giunto alla terza edizione.
La cerimonia si svolgerà nella sede istituzionale della presidenza della Regione Lazio, partner dell’iniziativa, alla presenza dei massimi esponenti delle istituzioni e dello sport. Il presidente del Coni Lazio, Riccardo Viola, consegnerà i riconoscimenti alle eccellenze del territorio.
A ritirare il premio per conto della società giallazzurra sarà il direttore generale Ernesto Salvini. Di seguito la motivazione che ha portato al riconoscimento: “E’ una gran bella storia, un’idea di sport, di calcio che è riuscito a portare vincente oltre il traguardo, quella pensata negli ultimi anni da Maurizio Stirpe. Il suo Frosinone, senza fare mai un passo oltre i confini di un budget sostenibile, nella stagione passata ha infatti scritto una pagina indimenticabile, mettendo le mani sulla Serie A al termine di uno sprint lungo che il tecnico ciociaro Roberto Stellone ha guidato dimostrando di avere le qualità per gestire al meglio il gruppo a sua disposizione. La seconda promozione di fila è stata il punto più alto dei dodici anni passati da Stirpe a costruire il Frosinone che il 16 maggio 2015 – battendo per 3-1 nella storica “tana” del Matusa il Crotone – avrebbe poi fatto impazzire di gioia per tutta l’estate i propri tifosi. Una crescita che ha fatto progressivamente salire la sua creatura anche nella considerazione degli addetti ai lavori del calcio italiano. E dopo sei anni di Serie B, anche dal punto di vista societario tempo necessario per capire come progettare il salto più lungo, il club frusinate, spinto dai gol di Dionisi e Ciofani oltre che da un’invidiabile solidità di squadra, ha così trovato il modo di regalarsi almeno trentotto gare, da vivere e ricordare per sempre, nella serie maggiore. Il giusto premio anche per dirigenti e staff tecnico che nel tempo hanno contribuito a costruire un Frosinone mai tanto forte”.

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni