Atuttapagina.it

Adozioni, dalla Regione un sostegno economico alle famiglie

La Regione Lazio sosterrà con il microcredito tutte quelle famiglie che vogliono adottare un bambino, ma che per ragioni economiche hanno dovuto rinunciare. A dare parere favorevole alla misura è stata l’ottava Commissione della Pisana, che ha recepito un’osservazione del consigliere Daniela Bianchi nel corso della  discussione sulla Delibera di Giunta che definirà le nuove linee guida per il microcredito della Regione Lazio.
«Dopo sette anni la Regione torna a riattivare il fondo per il microcredito con interventi per oltre 35 milioni di euro – dichiara Daniela Bianchi -. Il fondo prevede aiuti economici sia a imprese in crisi, per un massimo di 25 mila euro, che a famiglie in difficoltà, con una soglia fino a 10 mila euro. Con parere favorevole dell’assessore allo sviluppo Guido Fabiani vengono riconosciuti tra i beneficiari del fondo anche le famiglie che vogliono intraprendere il percorso adottivo».
«Molte di queste hanno dovuto rinunciare a causa dei costi proibitivi di un’adozione, che tra pratiche legali e viaggi possono arrivare fino a 20 mila euro. Proprio nell’interesse e nella tutela dei bambini l’adozione non deve diventare un privilegio per pochi – ammonisce il consigliere Bianchi -. Negli ultimi anni abbiamo assistito in Italia e nella nostra regione a un calo senza precedenti del numero delle adozioni, in particolare di quelle internazionali. Dalle 6 mila del 2006 a meno di 2 mila del 2015 e il Lazio è tra le regioni con la maggior diminuzione».
«Il nostro compito deve essere quello di togliere tutti quegli ostacoli burocratici ed economici che dividono il bambino dalla sua nuova famiglia – conclude Bianchi -. Da mesi sto lavorando con associazioni ed enti su una Proposta di legge regionale sulle adozioni. Oggi si è fatto un importante passo avanti, visto che il sostegno alle famiglie era uno dei punti principali della proposta di legge. Dalla Regione Lazio, grazie ad una particolare sensibilità della Giunta regionale, arriva un messaggio forte in favore delle adozioni, siano esse nazionali o internazionali. Vogliamo invertire la rotta per garantire a sempre più bambini il diritto all’infanzia, troppe volte negato, sostenendo concretamente quei genitori in grado di farli crescere in modo sano e sereno».

Potrebbero interessarti

Commenti

Questo sito utilizza i cookies; utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire l'utilizzo dei cookies.
Ulteriori Informazioni